Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Diritti tv: Corte Appello, no a legittimo impedimento. Scontro in aula

colonna Sinistra
Venerdì 1 febbraio 2013 - 12:10

Diritti tv: Corte Appello, no a legittimo impedimento. Scontro in aula

(ASCA) – Roma, 1 feb – E’ scontro nell’aula del processo d’appello sui diritti tv di Mediaset. Dopo una lunga riunione in camera di consiglio, i giudici della seconda Corte d’Appello di Milano hanno detto no alla richiesta di legittimo impedimento presentata dai difensori di Silvio Berlusconi, gia’ condannato in primo grado a 4 anni per frode fiscale. Secondo il collegio presieduto da Alessandra Galli, la riunione degli europarlamentari del Pdl di questa mattina a Roma ”non puo’ essere considerato un impegno legittimo e consolidato”, anche perche’ ”l’imputato era perfettamente a conoscenza che in data odierna ci sarebbe stata udienza”. I giudici hanno citato in aula un pronunciamento della Corte Costituzionale sulla necessita’ di conciliare gli impegni dell’imputato con il calendario del processo. Una bocciatura, quella Corte d’Appello, che di fatto apre la strada alla requisitoria del sostituto pg, Laura Bertole’ Viale, inizalmente prevista due settimane fa. Quanto e’ bastato per far infuriare Niccolo’ Ghedini, uno dei legali di Berlusconi, partito all’attacco dei giudici milanesi: ”Voi – li ha accusati – chiedete leale collaborazione all’imputato, ma non la offrite. Presentate un calendario di udienza senza spostarlo nemmeno di un millimetro. Si invoca la leale collaborazione ma la si nega, perche’ chiedete a Berlusconi di rinunciare di qui al 24 febbraio a sei giorni di campagna elettorale su un totale di 23”. Ghedini non ha dubbi: ”Questo processo ha una strada segnata che prevede la conferma della condanna di primo grado. La presenza di noi avvocati in quest’aula e’ del tutto inutile, con questa condanna vi siete resi colpevoli di una pesante intromissione nella campagna elettorale”. Infine, un attacco all’intera categoria delle toghe: ”Il senso delle istituzioni non lo avete soltanto voi giudici, lo abbiamo anche noi avvocati. Anche l’avvocatura e’ un’istituzione, ma con questa ordinanza decretate l’imperio della magistratura su tutte le altre istituzioni”. fcz/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su