Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Crisi: Casini, nuova manovra? Da Monti no ricatti ma cosa ovvia

colonna Sinistra
Martedì 29 gennaio 2013 - 11:38

Crisi: Casini, nuova manovra? Da Monti no ricatti ma cosa ovvia

(ASCA) – Roma, 29 gen – ”Mi sembra che Monti abbia detto unacosa ovvia. Ha detto che lo spread cala per i provvedimentiche un governo prende e per la credibilita’ che ha. Lo spreadnon e’ indifferente dunque che la manovra sia in qualche modosensibile o meno a seconda dell’andamento dell’economia edella percezione dell’Italia e’ una cosa ovvia. I mercatiguardano i voti”. Il leader dell’Udc, Pier FerdinandoCasini, incontrando i giornalisti a Montecitorio, commentacosi’ quanto detto da Mario Monti per il quale una nuovamanovra dipendera’ dal voto elettorale.

”Non e’ ne’ una minaccia ne’ un ricatto, ma unaconstatazione banale che farebbe qualsiasi osservatoreinternazionale e italiano”, aggiunge Casini. A chi gli fanotare che il premier dimissionario avrebbe parlatodell’eventualita’ di una nuova manovra a seconda di chi sara’eletto, il leader dell’Udc replica: ”Questa e’l’interpretazione che ha dato la sinistra, Monti non ha dettose vinco io non c’e’ bisogno della manovra se vincono glialtri si’. Se c’e’ un quadro di stabilita’ puo’ essere unfatto positivo, se ci fosse una situazione diingovernabilita’ non credo che avremo un vantaggio o unconforto particolare da parte degli osservatoriinternazionali”.

ceg/cam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su