Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Anno giudiziario/Perugia: operazioni elettorali aggravano emergenze

colonna Sinistra
Sabato 26 gennaio 2013 - 12:12

Anno giudiziario/Perugia: operazioni elettorali aggravano emergenze

(ASCA) – Perugia, 26 gen – ”E’ di tutta evidenza l’enormeaggravio di lavoro che si scarica sugli uffici giudiziari conle Operazioni elettorali”, un punto sul quale ”ilLegislatore non ha ritenuto di intervenire”. Se ne e’ dettoconvinto Wladimiro De Nunzio, Presidente della Corte diAppello di Perugia, che ha auspicato di ”liberare lamacchina giudiziaria da incombenze di garanzia estranee allafunzione giurisdizionale” cosi’ da intervenire ”in concretoper affrontare l’emergenza, perche’ non e’ accettabile che icittadini subiscano l’ingiustizia dei ritardi dei giudizi e imagistrati e il personale amministrativo la frustrante eingiusta accusa di essere responsabili dei ritardi e deidisservizi”. A supporto di tale valutazione ha aggiunto ”e’difficile comprendere perche’ le operazioni elettorali nonpossono essere svolte da altri comparti del pubblico impiego,in particolare dagli uffici notoriamente gonfi di personale.

La ”garanzia di legalita” assicurata dalla presenza dimagistrati e di personale amministrativo degli ufficigiudiziari, se una volta poteva avere una giustificazionenella fase di crescita della democrazia nel dopo guerra – hamotivato – ora non sembra che possa essere assicurata solodagli uffici giudiziari”. Nel sottolineare ancora”l’attuale immobilismo normativo”, il Presidente haspiegato ”anche quest’anno le operazioni elettorali per leelezioni politiche sono a carico della Corte di Appello. Ilche sta andando ad incidere sull’attivita’ giurisdizionalesottraendo tempo ed energie a tale funzione primaria ecostringendo al rinvio di alcune udienze. Su 15 magistratidella Corte attualmente in servizio fanno parte dell’Ufficioelettorale regionale per le elezioni del Senato 4 effettivioltre un magistrato della Procura generale e 3 supplenti edell’Ufficio centrale circoscrizionale per le elezioni dellaCamera dei Deputati altri 3 magistrati effettivi e 3supplenti. Tutto il personale amministrativo della Corte(attualmente di 35 unita’) e sei dipendenti del Tribunale peri minorenni e del Tribunale di sorveglianza che stanno dandola disponibilita’ – ha aggiunto – sono chiamati, restandofermo il dovere di far funzionare l’ufficio, a svolgere varieattivita’ elettorali anche durante l’orario ordinario dilavoro, non essendo possibile limitare l’impegno alle orestraordinarie”. A sottrarre tempo importante all’attivita’d’istituto, ha aggiunto de Nunzio ”la partecipazione alcollegio regionale di garanzia elettorale che e’ composto dalPresidente della Corte e da altri sei membri fra i quali tremagistrati ordinari oltre due magistrati supplenti, organismoche, per l’espletamento delle sue funzioni, si avvale delpersonale in servizio presso la cancelleria della Corte.

L’attivita’ del collegio e’ impegnativa dovendosi verificarela regolarita’ delle dichiarazioni e dei rendicontidepositati dai candidati, approvarli o contestare leirregolarita’ ed applicare le sanzioni amministrative.

L’esperienza delle passate elezioni dimostra che numerosesono le irregolarita’ in cui si incorre. Il che comporta laconvocazione di molte sedute che si protraggono spesso nelleore pomeridiane e per sei mesi”. pg/mar

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su