Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Papa: social network strumento evangelizzazione e preghiera

colonna Sinistra
Giovedì 24 gennaio 2013 - 12:01

Papa: social network strumento evangelizzazione e preghiera

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 24 gen – I social network,”oltre che strumento di evangelizzazione, possono essere unfattore di sviluppo umano” e di preghiera. I cristiani,percio’, sono chiamati a servirsi anche di queste nuoveopportunita’ comunicative per diffondere la fede. Aricordarlo e’ papa Benedetto XVI nel suo Messaggio inoccasione della 47a Giornata Mondiale delle ComunicazioniSociali.

Il papa ha portato come esempio ”alcuni contestigeografici e culturali dove i cristiani si sentono isolati edove le reti sociali possono rafforzare il senso della loroeffettiva unita’ con la comunita’ universale dei credenti. Lereti – ha poi detto – facilitano la condivisione dellerisorse spirituali e liturgiche, rendendo le persone in gradodi pregare con un rinvigorito senso di prossimita’ a coloroche professano la loro stessa fede”. ”Il coinvolgimento autentico e interattivo con le domandee i dubbi di coloro che sono lontani dalla fede, – scrive,quindi, il papa nel suo Messaggio – ci deve far sentire lanecessita’ di alimentare con la preghiera e la riflessione lanostra fede nella presenza di Dio, come pure la nostracarita’ operosa”. Il papa ha ancora ricordato che esistono reti sociali che”nell’ambiente digitale offrono all’uomo di oggi occasionidi preghiera, meditazione o condivisione della Parola diDio.

Ma queste reti possono anche aprire le porte ad altredimensioni della fede. – ha sostenuto – Molte persone stanno,infatti, scoprendo, proprio grazie a un contatto avvenutoinizialmente on line, l’importanza dell’incontro diretto, diesperienze di comunita’ o anche di pellegrinaggio”. ”Cercando di rendere il Vangelo presente nell’ambientedigitale, – ha quindi concluso papa Benedetto XVI – noipossiamo invitare le persone a vivere incontri di preghiera ocelebrazioni liturgiche in luoghi concreti quali chiese ocappelle”. gc/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su