Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: Sel, patto Bersani-Monti favorisce Ingroia? Problema esiste

colonna Sinistra
Venerdì 18 gennaio 2013 - 17:19

Elezioni: Sel, patto Bersani-Monti favorisce Ingroia? Problema esiste

(ASCA) – Roma, 18 gen – Questa mattina c’e’ stato un incontro tra Pier Luigi Bersani e Nichi Vendola nella sede del Pd. Ufficialmente e’ servito a discutere una condotta comune nella campagna elettorale che la settimana prossima, dopo la presentazione delle liste, inizia ufficialmente, ma si e’ inevitabilmente discusso anche delle ”telefonate” tra Mario Monti e il segretario del Pd che si sarebbero svolte mercoledi’ scorso. Vendola si e’ detto rassicurato dal colloquio con Bersani. Del resto, dopo le notizie pubblicate dai giornali, il leader di Sel aveva mantenuto la calma e non aveva rilasciato dichiarazioni polemiche su quello che e’ stato definito ”patto di non belligeranza” tra Bersani e Monti. E’ probabile pero’ che questo rapporto di fiducia tra Vendola e Bersani possa oscurare il ruolo critico di Sel nella coalizione di centrosinistra e favorire viceversa quello di Rivoluzione civile, che sta fuori dalla coalizione di centrosinistra. I sondaggi indicano infatti un testa a testa tra Sel e la lista capeggiata da Antonio Ingroia, con una leggera tendenza a favore di quest’ultima. ”Il problema esiste. Per me, il limite e’ che non c’e’ la coalizione. Si va in ordine sparso e senza dare l’immagine di essere una coalizione unita e determinata. Noi di Sel abbiamo un profilo preciso. In ogni caso, non mi sento in competizione con la lista Ingroia a cui auguro un buon risultato. Loro hanno un bacino elettorale diverso. Pescano anche nel non voto”, dichiara all’Asca Gennaro Migliore, capolista di Sel in Campania, gia’ capogruppo di Rifondazione alla Camera, che ha chiesto tra i primi nei giorni scorsi la convocazione della Camera per discutere della guerra in Mali a cui l’Italia ha gia’ deciso di partecipare solo con la concessione delle basi logistiche agli aerei francesci impegnati in raid. ”Io vorrei che fossimo percepiti come la sinistra che vuole governare – aggiunge Migliore – e che da’ piu’ forza alla coalizione di centrosinistra. L’unica coalizione che corre per vincere e governare e’ la nostra. Le altre servono solo a intralciare quell’obiettivo. La sinistra di Rivoluzione civile e’ quella che non vuole governare. Li conosco bene quelli che dicono ‘al governo mai”’. Questa scommessa sul problema governo contempla l’inevitabile rapporto con Monti? Replica l’esponente di Sel: ”Monti fara’ la sua strada e non escludo forme di collaborazione con la nostra coalizione. A noi interessano i contenuti. Nella Carta di intenti che abbiamo firmato noi e il Pd, non c’e’ solo il metodo delle decisioni che verranno prese a maggioranza: ci sono precisi obiettivi. Come la patrimoniale per il prelievo sui grandi patrimoni e la tassazione delle rendite per abbassare la pressione fiscale su salari e imprese”. Pure Ingroia, nei suoi discorsi, ha finora sempre ricercato il dialogo con Sel e Pd, ringraziando in particolare Vendola per aver mantenuta aperta la porta del confronto. Quest’ultimo, in una recente conferenza stampa, ha poi ringraziato Ingroia per non aver dato il via alla campagna elettorale senza inutili polemiche fratricide a sinistra. La competizione pero’ e’ nei fatti. Alle elezioni, come alle Olimpiadi, l’importante non e’ partecipare – come avrebbe voluto Pierre de Coubertain – bensi’ vincere. Oggi Ingroia ha annunciato un’altra candidatura di peso: Stefano Leoni, presidente del Wwf. gar/vlm

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su