Header Top
Logo
Venerdì 17 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pd: Bindi, vogliamo vincere ma senza presunzione di governare da soli

colonna Sinistra
Giovedì 10 gennaio 2013 - 19:18

Pd: Bindi, vogliamo vincere ma senza presunzione di governare da soli

(ASCA) – Roma, 10 gen – ”Vogliamo vincere ma non abbiamo lapresunzione di governare da soli. Noi siamo stati chiari suquesto, Monti purtroppo non altrettanto” quindi ”l’alleanzacon le forze centriste dipende molto da loro. Noi nonvogliamo stampelle”.

Ad affermarlo e’ Rosy Bindi intervistata da Tgcom24.

”Il Pd e’ stato coerente cosi’ come lo e’ stato ilsegretario. Noi vogliamo vincere, ma non abbiamo lapresunzione di voler governare per forza da soli -ha detto laBindi- vista la gravita’ della situazione. Noi vogliamotrovare un accordo con il riformismo del centro, con quelleforze saldamente ancorate nell’Europa e nei principicostituzionali. Andremo a dire questo agli elettori. Cidispiace che Monti presentandosi a candidato non siaaltrettanto chiaro con gli elettori su questo aspetto”. Ci sara’ un’intesa? ”Dipende molto da loro. Noi -spiegala Bindi- non siamo alla ricerca di stampelle, ma di forzepolitiche che dicano chiaramente con chi sono e contro chisono. Siamo certi che con i nostri programmi si puo’ trovarecollaborazione. Una collaborazione certamente non con ilcappello in mano”.

Sulle possibilita’ di vittoria Rosy Bindi ha sottolineato:”Noi ci stiamo provando, abbiamo messo in atto una seriacampagna elettorale proprio per questo. Noi non rinneghiamoil lavoro svolto col governo Monti, in questo percorso cisiamo preparati a governare e vogliamo vincere pienamente, mala nostra vittoria non sara’ chiusa nell’autosufficienza”.

Durante l’intervista si e’ parlato anche dell’endorsementdella Chiesa verso Mario Monti: ”A parte la singolarita’ dialcune dichiarazioni di alcuni ambienti della Chiesacattolica, e’ un sostegno di cui non c’era memoria. Penso-dice la Bindi- che i cattolici italiani siano elettori ecittadini, noi dobbiamo rivolgerci a loro. Non e’ il momentoper i cattolici di riparasi sotto un ombrello di un centroincapace di decidere. Noi ci rivolgiamo ai cattolici italianiper spingerli a fare una scelta forte. L’endorsement e’ statodettato dal pregiudizio che c’e’ verso la sinistraitaliana”.

min

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su