Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: Radicali, da domani sciopero fame e sete per esclusione da Rai

colonna Sinistra
Giovedì 10 gennaio 2013 - 17:02

Elezioni: Radicali, da domani sciopero fame e sete per esclusione da Rai

(ASCA) – Roma, 10 gen – Sciopero della fame e della sete perrendere nota l’esclusione dall’informazione Rai della Lista”Amnistia, Giustizia Liberta”’ e delle sue iniziative suiproblemi delle carceri. Lo annunciano in una nota MarcoPannella, Sergio Augusto Stanzani Ghedini, Marco Beltrandi,Rita Bernardini, Maurizio Bolognetti, Marco Cappato,Gianmarco Ciccarelli, Sergio D’Elia, Filomena Gallo,Alessandro Massari, Giorgio Pagano, Marco Perduca, MarioStaderini, Antonio Stango, Irene Testa, Maurizio Turco,Elisabetta Zamparutti. ”Mentre in queste ore le giurisdizioni internazionalicontinuano a condannare la Repubblica italiana per laviolazione dei diritti umani di chi risiede sul suoterritorio, a partire dalla distruzione dello Stato diDiritto determinata dallo sfascio dell’Amministrazione dellaGiustizia, con la sua appendice carceraria – scrivono iRadicali -, continua ad essere impedito ai cittadini diconoscere le ragioni, lo scopo ‘Amnistia Giustizia Liberta”intorno al quale, dal Natale 2005, si sono unite le massimeautorita’ istituzionali, scientifiche, religiose e socialidel Paese. Tutto cio’ accade nonostante l’Autorita’ per legaranzie nelle comunicazioni abbia ripetutamente einutilmente ordinato alla Concessionaria di serviziopubblico, sin dal luglio 2011 e da ultimo nell’agosto 2012,di assicurare l’approfondimento di un tema di cosi’ rilevanteinteresse politico e sociale secondo metodi e tempi idoneialla fruizione della conoscenza da parte del pubblico piu’ampio possibile”.

Di fronte ”a una tale realta’ antidemocratica, doveall’eliminazione contra legem per cinque anni del dirittoalle tribune politiche si risponde con la previsione di spazidi tribuna irrisori per tempi (17 minuti!) e ascolti (1milione!), da radicali in lotta per l’uscita dalla flagranzastorica criminale e criminogena del nostro Paese, vogliamodare forza ai rappresentanti delle massime istituzioni e aidetentori degli strumenti in grado di raggiungere il popoloitaliano affinche’ ascoltino il profondo della lorocoscienza. Per aiutarli, inizieremo dalla mezzanotte dell’11gennaio uno sciopero totale della fame e della sete, persuasicome siamo che le loro riflessioni e azioni non possanodiscostarsi dai principi fondamentali contenuti nella nostraCarta costituzionale”.

com/map

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su