Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Elezioni: Casini, Bersani premier solo con doppia maggioranza (Avvenire)

colonna Sinistra
Mercoledì 2 gennaio 2013 - 10:22

Elezioni: Casini, Bersani premier solo con doppia maggioranza (Avvenire)

(ASCA) – Roma, 2 gen – ”La gente ha capito che Berlusconinon e’ piu’ un’alternativa credibile. La vera sfida e’ tra lasinistra e l’area della responsabilita’, tra Bersani-Vendolae Mario Monti. Si fa largo una nuova democraziadell’alternanza e chi non vuole che il lavoro del governovenga smantellato deve dare forza a Monti e alle listecollegate a lui”. Lo afferma, in un’intervista ad Avvenireil leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini che dice ”no aBersani premier senza la maggioranza alla Camera e alSenato”.

”Bersani ha Vendola come principale alleato – spiegaCasini -. E Vendola si presenta davanti alla Cassazione adepositare le firme per abrogare le modifiche all’articolo18, va in Val di Susa dichiarando guerra alla Tav, alza lavoce e frena sulle liberalizzazioni, pretende che la riformaprevidenziale venga smantellata. Le minacce del capo di Selnon possono essere derubricate come mosse folcloristiche.

Bersani ha un compito proibitivo. Tenere la barra dritta eresistere al richiamo della foresta sara’ terribilmentecomplicato”.

”Dissi a settembre che per noi dopo Monti c’e’ soloMonti. Dopo quattro mesi – sottolinea il leader dell’Udc – lemie convinzioni si sono rafforzate, non indebolite. Percambiare il Paese serve ancora il Professore al timone”.

Per Casini serve un accordo ”non Pd-Monti, ma un grandepatto tra tutte le forze politiche. Anche con il Pdl, laLega, direi anche Grillo. Serve una legislatura Costituenteper riformare le istituzioni, a partire da questa maleficalegge elettorale che ancora una volta ci condanna a unaresponsabilita’ che spetterebbe ai cittadini”.

E a una domanda sulle candidature, Casini risponde: ”Lalista Udc dovra’ essere valutata solo sui nomi. Metteremo incampo candidati di qualita’ e capaci di interpretare larichiesta di nuovo che scuote la politica. Ci sara’ unrinnovamento profondo, ma non ci sara’ la rottamazione dipersone che sono state onestamente impegnate in politica enon se ne sono servite”.

red-ceg/sam/rl

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su