martedì 24 gennaio | 06:24
pubblicato il 10/set/2011 16:18

11 sett./ Napolitano: Importante l'exit strategy da Afghanistan

La guerra era inevitabile e non mi sorprende che siamo ancora lì

11 sett./ Napolitano: Importante l'exit strategy da Afghanistan

Roma, 10 set. (askanews) - "Che questo tipo di guerra senza precedenti potesse durare a lungo, poteva certamente mettersi nel conto, nessuno era in grado di fare previsioni. Io, come dire, non ritengo che ci sia da meravigliarsi che siamo ancora lì. La cosa importante é aver individuato, così come é stata individuata da tutte le componenti della coalizione che opera in Afganistan, una via d'uscita per quel paese e una via d'uscita anche per quanti hanno inviato lì le loro truppe". Lo dice il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, intervistato da Bruno Vespa per lo speciale di 'Porta a porta' sui dieci anni dell'11 settembre. Quella in Afghanistan, dice ancora il presidente della Repubblica, "è una guerra più che difficile, é una guerra del tutto inedita perché dall'altra parte c'è un nemico che si prepara nell'ombra, che colpisce in modo inaspettato, che si maschera e che dispone di propri agenti disseminati nel territorio di tanti paesi che naturalmente cercano di suscitare delle adesioni, dei consensi, per lo meno delle condizioni favorevoli per poter sferrare i propri attacchi. Che questa fosse una partita molto difficile credo che non lo compresero solo gli americani. Certo per loro il fatto era senza precedenti: mai una guerra, mai nulla di distruttivo aveva colpito il territorio americano, una città come New York, una città come Washington. Noi europei avevamo vissuto gli attacchi e le distruzioni della seconda guerra mondiale, per non parlare della prima, ma comunque anche per noi era un'altra cosa". Secondo Napolitano, dopo l'11 settembre ci fu una "presa di coscienza da parte della comunità internazionale di una minaccia e di una sfida inaudite", "stati anche molto diversi e anche non alleati tra loro, voglio dire dagli Stati Uniti e dagli Stati dell'Unione Europea, alla Russia alla Cina, compresero di dover affrontare insieme un nemico comune". Ancora: "Era inevitabile una reazione immediata, cercare di colpire una centrale del terrorismo internazionale di matrice islamica che poteva annidarsi, che sicuramente si annidava, in Afghanistan, Al-Qaeda, e quindi la decisione di portare le armi in Afghanistan per scovare e colpire quella centrale del terrore. Ma questo fu uno solo degli eventi che segnarono e che hanno segnato il decennio. Perché nel corso di quegli stessi 10 anni é cambiato, per tanti aspetti, il mondo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4