giovedì 08 dicembre | 03:55
pubblicato il 10/set/2011 16:18

11 sett./ Napolitano: Importante l'exit strategy da Afghanistan

La guerra era inevitabile e non mi sorprende che siamo ancora lì

11 sett./ Napolitano: Importante l'exit strategy da Afghanistan

Roma, 10 set. (askanews) - "Che questo tipo di guerra senza precedenti potesse durare a lungo, poteva certamente mettersi nel conto, nessuno era in grado di fare previsioni. Io, come dire, non ritengo che ci sia da meravigliarsi che siamo ancora lì. La cosa importante é aver individuato, così come é stata individuata da tutte le componenti della coalizione che opera in Afganistan, una via d'uscita per quel paese e una via d'uscita anche per quanti hanno inviato lì le loro truppe". Lo dice il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, intervistato da Bruno Vespa per lo speciale di 'Porta a porta' sui dieci anni dell'11 settembre. Quella in Afghanistan, dice ancora il presidente della Repubblica, "è una guerra più che difficile, é una guerra del tutto inedita perché dall'altra parte c'è un nemico che si prepara nell'ombra, che colpisce in modo inaspettato, che si maschera e che dispone di propri agenti disseminati nel territorio di tanti paesi che naturalmente cercano di suscitare delle adesioni, dei consensi, per lo meno delle condizioni favorevoli per poter sferrare i propri attacchi. Che questa fosse una partita molto difficile credo che non lo compresero solo gli americani. Certo per loro il fatto era senza precedenti: mai una guerra, mai nulla di distruttivo aveva colpito il territorio americano, una città come New York, una città come Washington. Noi europei avevamo vissuto gli attacchi e le distruzioni della seconda guerra mondiale, per non parlare della prima, ma comunque anche per noi era un'altra cosa". Secondo Napolitano, dopo l'11 settembre ci fu una "presa di coscienza da parte della comunità internazionale di una minaccia e di una sfida inaudite", "stati anche molto diversi e anche non alleati tra loro, voglio dire dagli Stati Uniti e dagli Stati dell'Unione Europea, alla Russia alla Cina, compresero di dover affrontare insieme un nemico comune". Ancora: "Era inevitabile una reazione immediata, cercare di colpire una centrale del terrorismo internazionale di matrice islamica che poteva annidarsi, che sicuramente si annidava, in Afghanistan, Al-Qaeda, e quindi la decisione di portare le armi in Afghanistan per scovare e colpire quella centrale del terrore. Ma questo fu uno solo degli eventi che segnarono e che hanno segnato il decennio. Perché nel corso di quegli stessi 10 anni é cambiato, per tanti aspetti, il mondo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni