sabato 10 dicembre | 21:27
pubblicato il 01/set/2014 14:34

* Renzi: "finora rispettati tutti gli annunci su riforme"

"Altro che malattia dell'annuncio..." (ASCA) - Roma, 1 set 2014 - Matteo Renzi rivendica di aver rispettato finora tutte le scadenze indicate sulle riforme, respingendo ancora una volta l'accusa di fare solo annunci. "Ho giurato il 22 febbraio - ha ricordato in conferenza stampa - e poi ho riforma del lavoro a marzo: il dl e' legge, la delega e' in discussione in Parlamento, speriamo ok il prima possibile, magari entro l'anno; ad aprile abbiamo detto P.A., il 13 giugno il dl che e' diventato legge e la delega che parte ora in commissione del Senato; a maggio diciamo semplificazione ficale e partono i provvedimenti; a giugno abbiamo detto giustizia, e ora linee guida e ddl; riforme costituzionali ok in prima lettura, l.

elettorale ok in prima lettura alla Camera". Insomma, conclude, "se questa e' la malattia degli annunci, sono felice di essere giudicabile voce per voce e il sito che inauguriamo oggi e' lo strumento perche' i cittadini possano verificare".

Rea/Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina