mercoledì 18 gennaio | 03:28
pubblicato il 23/apr/2014 18:46

'Ndrangheta: Pansa, contro crimine in campo altri 800 uomini

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - Ottocento unita' interforze: 355 per il controllo del territorio; 155 per le attivita' investigative e 290 assegnazioni di personale per le attivita' investigative e di controllo del territorio. Questi i numeri che il Viminale ha deciso di mettere in campo contro la 'ndrangheta nel suo piano d'azione nazionale e transnazionale contro la criminalita' organizzata di tipo mafioso calabrese presentato stamane al Viminale dal ministro dell'Interno Angelino Alfano e dal capo della Polizia, prefetto Alessandro Pansa. Un piano, ha spiegato il capo della Polizia, che si sviluppera' su tre livelli. Il primo ''riguardera' - ha detto - il controllo del territorio, l'attivita' investigativa, misure di prevenzione personali e patrimoniali nonche' la ricerca dei latitanti e la stretta collaborazione con i competenti uffici giudiziari. Il secondo livello, invece, riguardera' le investigazioni sulle attivita' economiche e l'aggressione ai patrimoni criminali con particolari approfondimenti - ha spiegato ancora Pansa - da parte della Guardia di finanza e della direzione investigativa antimafia''.

Terzo e ultimo livello del piano, quello che riguardera' la dimensione nazionale e transnazionale con il potenziamento della rete degli esperti per la sicurezza all'estero che conta attualmente 50 uffici dei quali 5 di coordinamento regionale. Una rete di esperti che dovra' occuparsi della ricerca dei latitanti e della individuazione delle attivita' economiche criminali. Le regioni che saranno particolarmente interessate dal piano, oltre naturalmente la Calabria, saranno, e' stato sempre spiegato oggi, il Lazio, l'Emilia Romagna, il Piemonte, la Lombardia e la Liguria.

Il piano anti 'ndrangheta mettera', e' stato ancora affermato, in campo anche nuove tecnologie per la lotta al crimine quali un sistema informatico interforze, un sistema di georeferenziazione dei reati che supportera' la fase investigativa, la prevenzione e contrasto del crimine e le decisioni da assumere e il sistema Macro di suppporto investigativo che potra' mettere a disposizione una avanzata ''mappatura'' dei soggetti delle organizzazioni criminali di tipo mafioso, italiane e straniere, presenti sul territorio, la stessa, come ha ricordato il ministro Alfano, censito 160 organizzazioni ndranghetiste, con 4.389 affiliati la maggior parte dei quali (2.086 in 97 organizzazioni) individuate nella sola provincia di Reggio Calabria.

gc/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa