sabato 03 dicembre | 15:02
pubblicato il 07/gen/2012 17:59

'Mettere mani in tasca italiani', Monti demolisce slogan Cav

Premier boccia uno dei pilastri del pensiero di Berlusconi

'Mettere mani in tasca italiani', Monti demolisce slogan Cav

Roma, 7 gen. (askanews) - Che stia trascorrendo le ultime ore di ferie nel rilassante contesto di Villa Certosa o nella dimora di Arcore, Silvio Berlusconi non avrà gradito la 'bacchettata' che, senza fare nomi, gli ha comunque riservato il premier Mario Monti da Reggio Emilia. Lapidario, il Professore, ha stroncato uno dei cavalli di battaglia del Cavaliere: "Non mi ha mai persuaso l'espressione 'mettere le mani nelle tasche degli italiani'", anche perché "è incompleta", sono "alcuni italiani evasori" a mettere le mani "nelle tasche dei contribuenti onesti". Tanto per 'pesare' la bocciatura, si consideri che l'amato slogan berlusconiano è stato utilizzato da Silvio ben 12 volte solo negli ultimi dodici mesi. Ma è un dato approssimato per difetto, visto che si tratta di uno dei pilastri del pensiero dell'ormai ex premier. Un rapido elenco per comprendere quanto cara fosse l'espressione per Berlusconi. 6 febbraio 2011: "Il nostro governo in questa prima metà della legislatura, nonostante la crisi economica internazionale, non ha mai aumentato le tasse, non ha mai messo le mani nelle tasche dei cittadini". 3 maggio "Noi non metteremo mai le mani nelle tasche degli italiani". 4 maggio: "Già è tantissimo fare quello che abbiamo fatto, mai messe le mani nelle tasche degli italiani". 10 maggio: "Abbiamo messo alle nostre spalle il picco della crisi meglio di altri Paesi con fiducia mercati e realizzato una vera e propria missione impossibile: affrontare la crisi senza mettere mai le mani nelle tasche degli italiani". 11 maggio: "Siamo orgogliosi di avere saputo tenere in regola i conti pubblici, senza mai mettere le mani neppure una volta nelle tasche degli italiani. E questo continueremo a fare". 12 maggio: "Senza mettere le mani nelle tasche degli italiani abbiamo realizzato una vera mission impossible". 24 maggio: "Il governo ha fatto molto, non abbiamo mai messo le mani nelle tasche degli italiani e la maggioranza c'è". 3 giugno "Stiamo uscendo dalla crisi, non abbiamo aumentato nessuna imposta e non abbiamo messo mai, mai le mani nelle tasche degli italiani". Stesso concetto anche il 9 giugno, 8 luglio. Poi purtroppo arriva agosto, la crisi che morde e la manovra varata in tutta fretta a ridosso di Ferragosto. E Berlusconi deve ammettere un''eccezione alla regola', deve mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Ma il valore del principio resta, lui ci tiene a dirlo. Il 12 agosto ammette che d'ora in poi non potrà più vantarsi di non aver mai messo le mani nelle tasche degli italiani: "Siamo personalmente addolorati di aver dovuto fare questa manovra", dice sostenenedo che il suo cuore "gronda sangue" per le nuove imposizioni fiscali: "Ma questa è l'unica eccezione al principio che ho sempre rispettato di non mettere le mani nelle tasche degli italiani". Oggi la 'rivoluzione' di Monti, che certo Berlusconi non avrà gradito e che ribalta il punto di vista come già fece anni addietro l'allora ministro dell'Economia Tommaso Padoa Schioppa, sempre a proposito delle imposte: "La polemica anti tasse è irresponsabile - disse il 7 ottobre 2007 - dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima e civilissima, un modo di contribuire tutti insieme a beni indispensabili come la salute, la sicurezza, l'istruzione e l'ambiente". Allora fra i primi a polemizzare fu Daniele capezzone, oggi portavoce Pdl, chiedendosi: Si tratta "forse di una beffa crudele ai danni dei contribuenti o forse molto semplicemente il fatto che Tommaso Padoa-Schioppa ha perduto il contatto con la realtà del Paese che dovrebbe governare. Un ministro o un marziano a Via XX Settembre?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari