domenica 22 gennaio | 15:24
pubblicato il 02/set/2013 12:00

## L.elettorale/ Blog Grillo: il doppio turno? Ennesima truffa

"Il progetto è rendere irrilevante il Movimento 5 stelle"

## L.elettorale/ Blog Grillo: il doppio turno? Ennesima truffa

Roma, 2 set. (askanews) - Il sistema elettorale a doppio turno è "l'ennesima truffa": è quanto si legge in un lungo testo pubblicato dal blog del leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo. Il post è la trascrizione della videorubrica Passaparola, affidata nell'occasione allo storico e politologo Aldo Giannuli. Non si tratta di una posizione ufficiale del Movimento ma, data la delicatezza del tema, certamente spiega la recente diffidenza espressa da Grillo nei confronti del possibile varo di una riforma elettorale in Parlamento: Diffidenza che ha creato delle incertezze tra attivisti ed elettori, nonostante ufficialmente gli stellati restino oppositori del Porcellum, come ha ribadito oggi il prossimo capogruppo alla Camera Alessio Villarosa: "Non siamo assolutamente a favore del porcellum e questo si può vedere dalla posizione assunta alla Camera dalla mozione Giachetti per il rientro al mattarellum". Dopo un lungo excursus sui vari sistemi elettorali, Giannuli spiega che il doppio turno, recentemente rilanciato "dall'ex-parlamentare e ex-presidente della Camera Violante, del Partito democratico", apparentemente "risponderebbe insieme alle esigenze di rappresentanza e di governabilità" ma in realtà "si tratta dell'ennesima truffa". "Intanto - sostiene Giannuli - perché in termini di rappresentanza quello che conta è il voto libero del primo turno, se un partito ha il 29% al primo turno e al secondo turno dove partecipa allo scontro solo con un altro partito arriva al 50 e mezzo non vuole dire che ha il 50% dell'elettorato, ma è il 50% di quelli che sono andati a votare e dovendo scegliere su una scelta così limitata di due partiti ha votato, ma in termini di rappresentanza quel partito rappresenta il 29%, non il 50%. Ma soprattutto è una truffa per un'altra ragione, perché è chiaramente pensato in funzione ostile al Movimento 5 Stelle". "Il calcolo - spiega l'esperto ospitato sul blog di Grillo - è questo: Partito democratico e Pdl nonostante tutto riescono a avere il primo e secondo posto. Il 5 Stelle prenderebbero i loro seggi nella quota proporzionale, ma sarebbero esclusi dal ballottaggio, questo è il progetto. Dopodiché gli elettori del Movimento 5 Stelle hanno due scelte o si astengono e probabilmente sarebbe la scelta maggioritaria oppure che votano? Votano Pd, è impensabile che votino per Berlusconi e per il Pdl, quindi in realtà il calcolo del Pd è che una parte dei voti del 5 Stelle comunque se li prendono, non li votano al primo turno e una parte li voterà al secondo. Nessuno voterà per Berlusconi, quella frazione in più di voti mi permetterà di battere Berlusconi e nel stesso tempo di rendere irrilevante il Movimento 5 Stelle".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4