venerdì 09 dicembre | 09:18
pubblicato il 08/nov/2014 15:38

_Lega chiede dimissioni Alfano, a casa anche prefetto e questore

Pini: "Aggressione a Salvini colpa loro".Centinaio: via Alfano

_Lega chiede dimissioni Alfano, a casa anche prefetto e questore

Roma, 8 nov. (askanews) - A seguito dell'aggressione all'auto del segretario Matteo Salvini in visita al campo rom di Bologna la Lega punta il dito contro il ministro degli Interni Angelino Alfano e contro il Questore e il Prefetto del capoluogo emiliano chiedendone la "rimozione immediata".

"Chiediamo - ha annunciato il capogruppo della Lega al Senato. Gian Marco Centinaio- le immediate dimissioni di Alfano. Le sassate ricevute da Matteo Salvini oggi, dimostrano che in questo paese comandano i centri sociali, i rom, i clandestini e i delinquenti. Tutti coloro che in barba alla legge vogliono imporre le proprie convinzioni restano sistematicamente impuniti, peggio: sono coccolati da stampa e sistema. Vergogna. Tanto non ci fermerete mai, la gente è con noi".

"Per riconsegnare un minimo di dignità alle forze dell'ordine bolognesi penso che il minimo che il ministro dell'Interno possa fare sia - ha fatto eco il vicepresidente dei deputati Gianluca Pini- di rimuovere immediatamente il Prefetto ed il Questore di Bologna: i colpevoli delle violenze a danno della Lega e del suo segretario sono tutte di chi non è stato in grado di difendere le istituzioni democraticamente elette da una banda di deliquenti, peraltro già noti per intimidazioni e violenze". ). Ovvero Prefetto e Questori responsabili "di non aver fatto nulla per prevenire l'aggressione a Salvini nonostante le velate minacce dei giorni scorsi, peraltro avallate da Pd e Sel, che ritengo mandanti morali degli atti violenti".

Il deputato leghista, annunciando sia una interrogazione parlamentare urgente sia la richiesta di chiarimenti in aula da parte di Alfano, non perdona ai vertici delle forze dell'ordine bolognesi il fatto che "dai filmati è chiaro sia il fatto che la stampa fosse informata dell'aggressione premeditata, sia che hanno potuto agire indisturbati senza che nessuno muovesse un dito a difesa di Salvini. Non è chiaro se le forze dell'ordine non fossero presenti o se abbiamo avuto la consegna di non intervenire: l'unica cosa che mi è chiara - conclude Pini - è che Prefetto e Questore non sono all'altezza del ruolo che rivestono e forse nemmeno di ricevere uno stipendio vista la loro incapacità di gestire l'ordine pubblico su un avento già segnalato a rischio per colpa di noti ma stranamente liberi, delinquenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina