giovedì 08 dicembre | 01:21
pubblicato il 28/ott/2011 05:10

'Grane' Pdl e Tremonti 'rigorista', nuove sfide per Berlusconi

Fronda Senato e summit Alfano agitano. Sviluppo, trincea Tesoro

'Grane' Pdl e Tremonti 'rigorista', nuove sfide per Berlusconi

Roma, 28 ott. (askanews) - Silvio Berlusconi si trova ancora una volta a dover fare i conti con l'instabilità della sua maggioranza di governo. Una lettera di alcuni senatori, ma anche l'eco di una riunione di Angelino Alfano con alcuni ministri che doveva restare riservata, è bastata a complicare ulteriormente un quadro già complesso. Sullo sfondo resta tutta la tensione fra Giulio Tremonti e il resto dei ministri di fede pidiellina. E già si profila un nuovo duello sul decreto sviluppo. Il ministro dell'Economia, secondo uomini a lui vicini, avrebbe sottolineato l'assoluta sintonia con i vertici del Carroccio. Qualunque lettura che mira ad accreditare uno scollamento non è verosimile, secondo il responsabile di via XX settembre. Il discorso diventa diverso se si parla della mancata firma del ministro dell'Economia in calce al documento consegnato al Consiglio europeo. Non serviva, sottolineano alcuni tremontiani doc. Eppure c'è una punta di fastidio e un ragionamento che suona come un avvertimento nel successivo commento attribuito al superministro: il giudizio sulla missiva è positivo perché esprime rigore. Il Cavaliere, intanto è alle prese con una lettera (non si sa risalente a quando) pensata al Senato da parlamentari del Pdl pronti a chiedergli un gesto di discontinuità attraverso l'allargamento della maggioranza. Un passo indietro, nella sostanza, che il premier non intende accettare. Eppure Beppe Pisanu e Giuseppe Saro, ieri l'altro a cena con altri nove senatori e un deputato (Antonione, anche lui dato vicino alla rottura con via dell'Umiltà), decidono di lanciare il sasso nello stagno. L'effetto, però, è forse superiore alle previsioni. E così a parte l'estensore della missiva e pochi altri (Del Pennino), quasi tutti i senatori (da Pisanu a Lauro, da Spadoni Urbani a Dini e Orsi, Paolo Amato e Santini) si affrettano a smentire, su carta intestata dell'ufficio stampa del gruppo del Pdl del Senato. Parecchio dibattito (e veleno) interno ha suscitato la notizia di una colazione di lavoro di Angelino Alfano con diversi ministri, fra i quali Franco Frattini, Raffaele Fitto, Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna. Alcuni raccontano anche della presenza di Maurizio Lupi e Stefania Prestigiacomo, ma altre fonti smentiscono. Di certo c'è che nel summit si è discusso del futuro, della stagione congressuale, della difficilissima situazione di Montecitorio, con numeri ballerini che poco fanno sperare sulla durata della legislatura. Riferiscono che Alfano non abbia escluso la possibilità di un ritorno anticipato alle urne, anzi sostenendone alcuni vantaggi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni