martedì 21 febbraio | 16:12
pubblicato il 22/ago/2013 12:00

## Governo/ Napolitano preoccupato, Letta prova la carta Imu

Premier al Colle per fare il punto. Poi pranzo con Saccomanni

## Governo/ Napolitano preoccupato, Letta prova la carta Imu

Roma, 19 ago. (askanews) - La misura della preoccupazione di Giorgio Napolitano per le sorti del governo sta già nella salita al Colle di Enrico Letta a poche ore dall'incontro con Angelino Alfano. Il presidente del Consiglio rendiconta sulle tre ore di confronto con il segretario del Pdl, latore di un aut aut del Cavaliere che sembra lasciare molte distanze e pochi margini di trattativa. Letta fa con il capo dello Stato il punto della "situazione politica" e degli sviluppi per l'esecutivo mentre il Pdl continua a invocare l'agibilità politica del suo leader e a tentare di guadagnare tempo rispetto al treno in corsa della giunta per le elezioni del Senato che si riunisce il 9 settembre. Per il Pd, d'altro canto, la linea è "non arretrare di un millimetro dal principio che le sentenze si applicano". Dal governo è il ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini - presente anche al vertice di ieri - a rispedire al mittente "ricatti", "minacce" e "ultimatum": "Non si barattano legalità e rispetto delle regole con la durata di un governo. Mai". Dal Colle non trapela nulla che non sia l'attenzione e la preoccupazione del presidente per il difficile passaggio nel quale si trova - di nuovo - il Paese. La nota con le riflessioni sul caso Berlusconi viene considerata 'esaustiva' e, del resto, in mancanza di elementi di novità - uno poteva essere la richiesta di grazia, ma è stata accantonata dallo stesso Berlusconi - al presidente non si possono chiedere "soluzioni" da bacchetta magica. Ma se sulla decadenza di Berlusconi da senatore le posizioni tra Pd e Pdl restano distanti, sull'attività e la mission del governo non mancano segnali di 'intesa'. Rientrerebbe tra questi l'annuncio della possibilità di trovare una soluzione proprio sulla questione Imu, uno dei cavalli di battaglia del Pdl. Un tema del quale si è parlato nel pranzo a palazzo Chigi fra Letta e il ministro dell'economia Fabrizio Saccomanni, alla vigilia della prima riunione post-ferie del consiglio dei ministri (che però non dovrebbe ancora sciogliere il nodo, rinviato probabilmente a fine mese). Tra Il ragionamento dei democratici è semplice: se il governo delle larghe intese prosegue nella sua azione si centrerà anche questo obiettivo, viceversa, se salta tutto, sarà immolata sull'altare dell'agibilità politica del Cav anche l'abolizione dell'Imu sulla prima casa. Lo stesso Letta l'ha detto chiaramente qualche giorno fa: "Se cade il governo saranno gli italiani a pagare". A cominciare dall'Imu.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia