domenica 26 febbraio | 18:35
pubblicato il 28/ago/2014 21:05

## Domani il Cdm per Giustizia e Sblocca Italia, rinvio scuola

Renzi da Napolitano: ok coperture e riforma sistema giudiziario (ASCA) - Roma, 28 ago 2014 - Risolto il nodo delle coperture per lo Sblocca Italia, in dirittura d'arrivo la stesura della riforma della giustizia. La vigilia del primo Consiglio dei Ministri dopo la pausa estiva porta alla definizione di due dei tre provvedimenti annunciati dal Matteo Renzi: per il terzo, la riforma della scuola, bisognera' invece aspettare un prossimo Cdm. "Troppa carne al fuoco", dicono fonti di palazzo Chigi e del ministero dell'Istruzione, meglio 'alleggerire' l'odg della riunione.

Da viale Trastevere assicurano che non ci sono problemi sulla riforma, "abbiamo gia' consegnato il testo con le linee guida, eravamo prontissimi". Lo slittamento, ribadiscono, e' dovuto solo ad una scelta 'mediatica', per non schiacciare la riforma in mezzo agli altri due provvedimenti. Del resto, da Chigi assicurano che Renzi e' stato "in stretto contatto" con il ministro Giannini. E anche dal Quirinale fanno sapere che nell'ora e mezza di colloquio tra Giorgio Napolitano e il premier, il presidente della Repubblica "e' stato informato su giustizia e sblocca Italia": nessun accenno alla scuola. Via libera invece al provvedimento per far ripartire i cantieri, con le risorse garantite dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan: "Ci sono le cooperture per lo Sblocca Italia dove servono e ci sono molte regole che sbloccheranno investimenti pubblici e privati", ha detto Padoan sottolineando che l'effetto sara' positivo anche per le famiglie. Nel decreto, infatti, "ci sono piu' investimenti, piu' crescita e quindi piu' lavoro e quindi le famiglie ne beneficieranno", dice in un'intervista al Tg2.

Cosi' come sembrano risolte, almeno per ora, le divergenze interne alla maggioranza sulla riforma della giustizia. Anche oggi Renzi e' stato in contatto continuo con il guardasigilli Andrea Orlando: la riforma si articolera' su piu' provvedimenti "la cui definizione - assicurano da palazzo Chigi - e' arrivata alle battute finali". Domani si dovrebbe intervenire su tempi del processo Civile e sulla responsabilita' dei magistarti.

Sull'intervento per alleggerire l'arretrato del Civile e' lo stessoRenzi ad annunciare via tweet: "Domani facciamo un dl ad hoc su questo", rispondendo ad un utente che ironizzava sulla soluzione del problema attraverso la riduzione della pausa estiva dei tribunali: "Quello e' un simbolo, ma importante", spiega Renzi, "l'arretrato si risolve in un altro modo". Anche la situazione internazionale e' stata al centro dell'attenzione del premier, che ha avuto un colloquio con il presidente russo Vladimir Putin sull'Ucraina ("Inaccettabile l'ingresso di truppe russe"), e altre due telefonate con il primo ministro britannico David Cameron e quello finlandese Alexander Stubb. Colloqui avuti mantenendo i contatti costanti con il ministrio degli Esteri Federica Mogherini. Infine, Renzi ha messo anche la testa alla conferenza stampa di lunedi' prossimo sui mille giorni, con il countdown parte dal 1 settembre.

Rea

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech