lunedì 27 giugno | 15:05
pubblicato il 18/gen/2016 09:48

Turchia, colpi di mortaio vicino al confine con Siria: 4 feriti

Nei pressi di una scuola. Ci potrebbero essere due morti

Turchia, colpi di mortaio vicino al confine con Siria: 4 feriti

Istanbul, 18 gen. (askanews) - Quattro persone sono rimaste ferite nell'esplosione di due colpi di mortaio vicino a una scuola nella città di Kilis vicino al confine turco-siriano. Lo ha annunciato la tv NTV.

La rete televisiva turca ha mostrato le immagini dei feriti mentre venivano trasportati in ospedale. Delle prime informazioni non confermate ci potrebbero essere anche due morti e i colpi sarebbero arrivati direttamente dal territorio siriano.

Sempre in Turchia, nella regione a maggioranza curda, tre poliziotti sono stati uccisi e altri quattro feriti nella notte tra domenica e lunedì in un attacco attribuito ai ribelli del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk). L'attacco è avvenuto nella località di Idil nella provincia di Sirnak, nei pressi della frontiera siriana, verso le 23.30, quando un ordigno è esploso al passaggio di un convoglio della polizia: lo ha precisato un responsabile locale che si è espresso sotto richiesta di anonimato.

(fonte AFP)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Orban: dopo Brexit cambia gioco su scacchiera Ue
Brexit
Ministro Esteri ceco: dopo Brexit Juncker dovrebbe lasciare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Farmaci, Molmed riceve ok condizionato CHMP per commercio Zalmoxis
Motori
Mazda, esordio europeo per la Mx-5 Retractable Fastback
Enogastronomia
Allegrini, il mercato mondiale non si ferma con la Brexit
Turismo
Avataneo (Aiav): agenti viaggio bocciano legge su Fondo Garanzia
Lifestyle e Design
Biennale di architettura, visioni per la città postindustriale
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Calenda firma DM su incentivi non fotovoltaico
Moda
Milano Moda, Pal Zileri punta sulla pelle stampata
Scienza e Innovazione
Droni militari per sorvegliare Eurotunnel da intrusione migranti
TechnoFun
Cyber security, le richieste delle compagnie tech al governo Usa