sabato 21 gennaio | 18:37
pubblicato il 13/gen/2017 14:36

Russia, a Yaroslavl 24h senza aborto "per i bimbi uccisi da Erode"

Sull'onda di forti polemiche tra religione, politica e società

Russia, a Yaroslavl 24h senza aborto "per i bimbi uccisi da Erode"

Mosca, 13 gen. (askanews) - Aborto vietato per un giorno nella regione di Yaroslavl, in Russia, "in memoria dei bambini di Betlemme". La diocesi russa ortodossa e il dipartimento sanitario regionale si sono accordati su una giornata di stop alle interruzioni di gravidanza. "In tutte le istituzioni sanitarie pubbliche della regione di Yaroslavl sarà vietato l'aborto, per proteggere il valore della maternità", ha fatto sapere il servizio stampa dell'Arcidiocesi di Yaroslavl. La campagna si svolge in memoria dei "bambini di Betlemme uccisi da Erode, che voleva uccidere il divino Bambin Gesù". Tuttavia l'agenzia russa Interfax fa notare che la principale fonte storica sul periodo del regno di Erode "non contiene alcuna menzione del massacro dei bambini a Betlemme. Questo evento è menzionato solo nel Vangelo di Matteo e in testi cristiani successivi".

Chiaro è che il tema coinvolge sia la religione che la società. E ancora più chiaro è il messaggio che l'iniziativa vuole veicolare. Mentre si sviluppa il confronto politico di questi mesi in Russia, sull'interruzione di gravidanza, dove ha sollevato una vera tempesta la petizione, lanciata da due organizzazioni e sottoscritta dal Patriarca Kirill, che ne chiede il divieto.

Il tema dell'aborto è divenuto anche trasversale non soltanto nel dialogo sempre più intenso tra Mosca e il Vaticano (benchè Francesco abbia assunto posizioni ben più interlocutorie delle dure prese di posizione del Patriarca Kirill), ma anche con altre comunità religiose russe. Il supremo muftì di Russia Talgat Tajuddin, ad esempio, si è detto d'accordo con Kirill, definendo l'aborto una "uccisione di bambini".

Attualmente a Mosca, l'aborto è legale fino alla dodicesima settimana (alla 22esima in caso di stupro), tenendo conto però che il Paese su questa materia ha una storia particolarissima: nel 1920, la Russia divenne il primo paese al mondo a permettere l'aborto in ogni circostanza, per poi vietarlo categoricamente sotto Stalin dal 1936 al 1954. Nel 2010, secondo le Nazioni Unite (World Abortion Policies 2013 ), la Russia ha avuto il maggior numero di aborti per donna in età fertile al mondo: tra i 15 e i 44 anni, con circa 1,3 milioni all'anno, equivalenti a 53,7 aborti ogni 1000 donne. Benchè, secondo i dati del Ministero russo della Salute, nel 2015 gli aborti sono stati 746 mila, l'8% in meno rispetto all'anno precedente. E in generale, dal 1991 il numero di aborti è diminuito, fatta eccezione per il 2014, quando la cifra è salita di 50mila rispetto al 2013.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turchia
Turchia, parlamento approva rafforzamento dei poteri di Erdogan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4