lunedì 20 febbraio | 15:15
pubblicato il 29/nov/2016 17:35

Ministro turco affari Ue: se foste obiettivi saremmo già membri

Celik a Bruxelles, incontra Timmermans

Ministro turco affari Ue: se foste obiettivi saremmo già membri

Bruxelles, 29 nov. (askanews) - La Turchia sarebbe già diventata membro dell'Unione europea se i negoziati fossero stati condotti in maniera "oggettiva" da parte dell'Unione europea. Lo ha dichiarato il ministro turco per gli Affari europei Omer Celik, che si trova a Bruxelles dove domani incontrerà il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans e i commissari in carico di migrazione e sicurezza.

Il Paese è ufficialmente candidato dal 1987 ma i negoziati sono iniziati soltanto nel 2005 e sono andati avanti a rallentatore. Un ulteriore stop è arrivato dopo l'ondata di arresti in Turchia in seguito al fallito colpo di stato. Celik ha criticato il voto dell'Europarlamento sulla "sospensione temporanea" del processo di adesione di Ankara, per protestare contro il giro di vite in senso autoritario del presidente Recep Tayyip Erdogan. Il testo, che non è vincolante per la Commissione, "è la risoluzione più ingiusta della storia", ha dichiarato Celik sottolineando che l'Ue ha mancato di "empatia" verso i turchi.

(fonte afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Russia-Usa
Erede dei Kennedy: Trump? Usa non perdono fiducia in futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia