lunedì 20 febbraio | 09:56
pubblicato il 13/gen/2017 12:25

M5S: Libia è una polveriera, preoccupati per i nostri connazionali

"Minniti chiarisca su parole Tobruk, non possiamo più permetterci di sbagliare"

Roma, 13 gen. (askanews) - "Siamo molto preoccupati per i nostri diplomatici e connazionali in Libia. Chiediamo di nuovo al governo di riferire i dettagli di un'operazione che presenta molti lati oscuri. Leggendo quanto meno le dichiarazioni rilasciate stamani dalle autorità di Tobruk, la visita di Minniti invece di produrre risultati positivi sembra aver contribuito ad innalzare il livello di tensione nel Paese verso i nostri cittadini". Lo dichiarano, in una nota, i deputati M5S della Commissione Affari Esteri, dopo che il governo di Tobruk, secondo quanto riportato dai media locali, avrebbe considerato la riapertura dell'ambasciata Italiana a Tripoli una nuova forma di occupazione.

"Ciò che non vorremmo mai vedere, e che ci auguriamo non succeda, sono episodi come quelli di Bengasi 2012, quando dopo un attacco alle sedi diplomatiche Usa perse la vita l'ambasciatore Chris Stevens e altri tre statunitensi. Stando ai fatti, oggi, è evidente che la strada intrapresa dal governo Gentiloni non sembra essere quella giusta. La Libia è una polveriera soprattutto a causa degli innumerevoli errori commessi nel passato. Non possiamo più permetterci di sbagliare", concludono i parlamentari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia