domenica 22 gennaio | 13:12
pubblicato il 13/gen/2017 15:14

Libia, Si: preoccupati per situazione, governo riferisca

"Stabilizzazione processo ancora lungo, no a forzature".

Roma, 13 gen. (askanews) - "La riapertura dell'ambasciata italiana a Tripoli senza una reale stabilizzazione politica della Libia è stata evidentemente una forzatura che ha contribuito a creare tensioni interne a quel Paese". Lo afferma Sinistra italiana con Erasmo Palazzotto e Peppe De Cristofaro, vicepresidenti delle commissioni esteri di Camera e Senato.

"E' stato un errore - proseguono i due esponenti della sinistra - cercare di far credere che in Libia col governo Serraj si fossero risolti i nodi politici alla base della guerra civile. La stabilizzazione è un processo ancora lungo da percorrere con prudenza e cautela. Chiediamo pertanto al governo - concludono Palazzotto e De Cristofaro - di venire a riferire in Parlamento sulla reale situazione in Libia e sui pericoli che corrono i nostri cittadini presenti in Libia a partire dalla sicurezza del personale diplomatico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4