lunedì 20 febbraio | 09:55
pubblicato il 13/gen/2017 15:14

Libia, Si: preoccupati per situazione, governo riferisca

"Stabilizzazione processo ancora lungo, no a forzature".

Roma, 13 gen. (askanews) - "La riapertura dell'ambasciata italiana a Tripoli senza una reale stabilizzazione politica della Libia è stata evidentemente una forzatura che ha contribuito a creare tensioni interne a quel Paese". Lo afferma Sinistra italiana con Erasmo Palazzotto e Peppe De Cristofaro, vicepresidenti delle commissioni esteri di Camera e Senato.

"E' stato un errore - proseguono i due esponenti della sinistra - cercare di far credere che in Libia col governo Serraj si fossero risolti i nodi politici alla base della guerra civile. La stabilizzazione è un processo ancora lungo da percorrere con prudenza e cautela. Chiediamo pertanto al governo - concludono Palazzotto e De Cristofaro - di venire a riferire in Parlamento sulla reale situazione in Libia e sui pericoli che corrono i nostri cittadini presenti in Libia a partire dalla sicurezza del personale diplomatico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia