giovedì 08 dicembre | 19:06
pubblicato il 19/ott/2016 12:13

## Libia, a 5 anni da caduta Gheddafi, Paese al collasso

Crisi politica, problemi di sicurezza, produzione greggio al palo

## Libia, a 5 anni da caduta Gheddafi, Paese al collasso

Tripoli, 19 ott. (askanews) - A cinque anni dalla caduta di Muammar Gheddafi, i conflitti militari e politici in Libia hanno portato il Paese al collasso. La crisi politica e di sicurezza da una parte, e quella economico-sociale dall'altra, hanno fatto della Libia uno Stato fallito, luogo di insorgenza di radicalismi di vario tipo, incapace di sfruttare in pieno le sue enormi risorse petrolifere. Con il pericolo, segnalano gli esperti, di una prossima, imminente e grave "crisi fiscale".

Con la fine del regime del colonnello - di cui domani ricorre il quinto anniversario - i libici speravano in un futuro migliore. Oggi, però, le aspettative sono ben più modeste: "Vivere in sicurezza, disporre di elettricità, di carburante, di un salario. E poter mandare i figli a scuola. Non chiediamo di più", ha spiegato Mahmoud, 35enne residente a Tripoli. D'altra parte, dopo 42 anni al potere, Gheddafi ha lasciato infrastrutture vetuste, un'economia totalmente dipendente dal petrolio, una manodopera poco qualificata. Ma soprattutto, un Paese diviso, sempre più in preda a clan e milizie, con un controllo statale pressoché inesistente in moltissime delle sue regioni.

Un quadro che stride con quello che l'ambasciatore designato d'Italia in Libia, Giuseppe Perrone, ha definito "un interesse superiore": "un Paese unito, democratico, globalizzato, inclusivo", "una Libia in cui tutti abbiano una voce", capace di intraprendere un processo politico "che non si improvvisa, che richiede tempo e rodaggio", ma che sia in grado di assicurare "stabilità, sicurezza e governance".

Da un punto di vista della sicurezza, numerose sono "le sfide e le difficoltà" da superare: "la più difficile", secondo il diplomatico italiano, è "la creazione di una forza armata unitaria" alle dirette dipendenze e sotto il controllo delle legittime autorità di governo. Il riferimento, senza citarlo direttamente, è anche e soprattutto al generale Khalifa Haftar. Se non si possono cancellare interessi e ruolo dell'uomo forte della Cirenaica, è il ragionamento degli esperti, di certo una trasposizione del modello Al Sisi in Egitto - ovvero della dittatura militare - sarebbe "un disastro" per il Paese nordafricano e porterebbe a una guerra civile lunga 15-20 anni, con la nascita di movimenti di ribellione simili a quelli dei talebani in Afghanistan. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni