Header Top
Logo
Giovedì 17 Gennaio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Mercoledì 16 gennaio 2019 - 18:12

L’Impresa Sostenibile – numero 11

 



Clicca qui per iscriverti alla newsletter

Cronache della rendicontazione non finanziaria e della responsabilità sociale d’impresa


16 gennaio 2019 – numero 11



L’editoriale


A tutta finanza (sostenibile)


Se, guardando al mondo dell’impresa, l’Italia appare un paese a sostenibilità spinta e che gira ai ritmi richiesti dall’economia circolare, con i settori del risparmio, delle piccole, medie e grandi aziende capaci di declinare con successo nel 2018 la propria sostenibilità in termini di bilanci sociali, è però la finanza a conquistare nell’anno che si è appena concluso la crescita più rilevante in rapporto agli investimenti sostenibili e alla responsabilità tra gli operatori finanziari europei. Come d’altronde è in Europa, come rileva l’ultima edizione dello European Sri Study, che per il nostro paese registra una maggiore ed evidente disponibilità degli operatori finanziari a condividere le  informazioni sulle proprie strategie di sostenibilità. 

Come segnala Francesco Bicciato, Segretario Generale del Forum per la Finanza Sostenibile, in un suo contributo all’Asvis, l’alleanza per lo sviluppo sostenibile, la fotografia scattata da Eurosif, ricerca biennale su caratteristiche e dati di diffusione dell’investimento sostenibile e responsabile, vede il mercato europeo avanzare sempre guidato dagli investitori istituzionali (banche, fondazioni, assicurazioni, asset manager),  “soggetti  che costituiscono i punti di riferimento delle istituzioni europee per la mobilitazione dei 180 miliardi di euro di investimenti annui (in aggiunta a quelli già stanziati) stimati necessari per centrare gli obiettivi climatici dell’Ue per il 2030”. Allo stesso tempo, lo studio ha rilevato una crescita significativa della componente retail, passata dal 3,4% nel 2013 al 30% a fine 2017.

La ricerca, continua l’approfondimento, presenta un’analisi nazionale e aggregata della diffusione dei diversi approcci che gli operatori finanziari possono adottare per includere le considerazioni di sostenibilità ambientale, sociale e di governance (o Esg da Environmental, Social and Governance) nelle strategie d’investimento. Ne è emerso che l’integrazione dei criteri Esg nell’analisi dei titoli è la strategia che nel biennio ha registrato la crescita più rapida, pari al 60%, superando i 4mila miliardi di euro di masse in gestione. Anche l’engagement ha guadagnato terreno, posizionandosi intorno ai 5mila miliardi di euro (+14% negli ultimi otto anni), tendenza che segnala un marcato interesse degli investitori istituzionali a influenzare le politiche di sostenibilità delle aziende investite.

E in Italia? “Rispetto alle precedenti edizioni dello studio – sottolinea lo studio descritto da Bicciato -, la partecipazione degli asset manager e asset owner italiani è cresciuta considerevolmente, segno che gli operatori finanziari sono più disponibili a condividere informazioni sulle proprie strategie di sostenibilità”. In linea con la tendenza europea, anche il mercato Sri italiano è guidato dagli investitori istituzionali; allo stesso tempo, cresce l’interesse dei risparmiatori a tenere in considerazione i temi Esg nelle scelte d’investimento, come dimostrato dall’incremento significativo di strumenti Sri dedicati a questo segmento di clientela.

Europa, e Italia, dunque in piena transizione sul fronte della finanza sostenibile. Arriva così anche   la decisione della Commissione europea di avanzare con la presentazione del piano d’azione e del successivo pacchetto di misure normative di settore.  E non è un caso allora che il 2019 si sia aperto a Bruxelles con la conferenza “Promoting Sustainable Finance”, confronto tra accademici, professionisti e policy maker sulla mobilitazione dei finanziamenti necessari ad investimenti sostenibili. L’anno comincia bene.

Gianni Todini
Vicedirettore askanews
gianni.todini@askanews..it



Clicca sui titoli per leggere gli articoli de L’Impresa Sostenibile


–  Banca Etica lancia Venti di futuro, gara di idee su sostenibilità

–  Confindustria e Confagricoltura insieme per sviluppo sostenibile

–  Bmw Italia: focus su elettrificazione e Csr in incontro fine anno

–  Alleanza mondiale contro i rifiuti in plastica: investiti 1,5 mld

–  Accordo tra Iren e Culligan per ridurre rifiuti in plastica

–  Agri-food, Programma PRIMA annuncia vincitori primi bandi 2018

–  Terna e la sostenibilità: stop alla plastica monouso in ufficio

–  Italmercati: al via progetto ‘Frutta che frutta non spreca’

–  Home banking per ipovedenti: arriva la nuova app di Monte Paschi

–  Rifiuti, friulana Net SpA presenta il Rapporto di sostenibilità

–  Poste Italiane ottiene la certificazione anticorruzione


–  Fruttagel vince il premio Biblioteca Bilancio Sociale 2018

–  Unipol Gruppo si aggiudica Gran Premio Sviluppo Sostenibile 2018

–  Ecodom e Cdca premiano i racconti di un’Italia sostenibile

–  La collina dei ciliegi Premio Best Pratices

–  Cura e bellezza, a Bergamo, le opere d’arte negli ospedali

–  Piemonte, ad Orbassano l’housing sociale attento alla disabilità


–  L’agricoltura e il futuro: innovazione per dare risposte reali


–  L’agenda de L’impresa sostenibile – 16 gennaio 2019



Hai ricevuto questo messaggio in quanto il tuo indirizzo di posta elettronica risulta iscritto alla nostra newsletter.
Puoi trovare l’informativa completa in materia di privacy, all’indirizzo internet: http://www.askanews.it/informativa-privacy-newsletter/
Se non desideri ricevere ulteriori messaggi, puoi cliccare qui sotto:

Clicca qui per cancellarti dalla newsletter


Copyright © 2018 L’Impresa Sostenibile e askanews, All rights reserved.

Our mailing address is:
marketing@askanews.it

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su