lunedì 26 settembre | 00:29
pubblicato il 29/mar/2016 19:50

Video-choc: maltrattamenti di animali in un mattatoio in Francia

E' il secondo caso dopo quello di Vigan

Video-choc: maltrattamenti di animali in un mattatoio in Francia

Roma, (askanews) - Venivano storditi e brutalmente picchiati; il sangue che schizza in ogni dove, segni di violenza sugli animali: l'associazione animalista francese L214 ha diffuso alcuni video che mostrano maltrattamenti di animali in un mattatoio della zona di Pays de Soule, a Mauleon-Licharre, lungo i Pirenei.

Video scioccanti che mostrano tutte le brutalità commesse nel mattaoio. La denuncia arriva dall'associazione diretta da Gerard Clemente.

"Sono disgustato, è inammissibile", ha dichiarato Clemente. Le immagini sono state girate grazie a una telecamera interna nell'arco di due settimane, poco prima di Pasqua.

Si tratta del secondo caso in Francia, dopo quello di Vigan, chiuso in seguito alla denuncia sempre di una associazione animalista.

Ora l'associazione L214 ha presentato una denuncia, nella speranza che i maltrattamenti terminino e il mattatoio chiuda.

Gli articoli più letti
Siria
Siria, potenze Occidente: Russia faccia fermare bombardamenti
Siria
Continuano a cadere bombe russe e siriane su Aleppo
Messico
Migliaia in piazza in Messico contro il matrimonio gay
Spazio
A caccia di vita extraterrestre, Cina inaugura supertelescopio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Allarme dentisti: no a diete vegane o crudiste "faidate"
Made in Italy
Coldiretti: Italia è leader mondiale dei mercati contadini
Enogastronomia
A Nancy il piatto di formaggi più grande del mondo: 730 tipi
Motori
Prosegue in Francia e Belgio il tour della Pininfarina H2 Speed
Moda
Milano Moda, per Prada la nuova eleganza è nella semplicità
Turismo
La Bilbao del turismo si presenta tra pintxos e vini d'eccellenza
TechnoFun
Weygo.com il nuovo supermercato on line dei milanesi
Scienza e Innovazione
Iac 2016, focus su accessibilità allo Spazio e future esplorazioni
Lifestyle e Design
Torna a splendere Trinità dei Monti grazie al restauro di Bulgari