sabato 25 febbraio | 17:44
pubblicato il 16/feb/2017 07:03

Trump cambia su Palestina, in crisi rapporti Usa con Ue e arabi

Europa e mondo arabo vogliono la soluzione dei due Stati

Trump cambia su Palestina, in crisi rapporti Usa con Ue e arabi

New York, 16 feb. (askanews) - Il cambio improvviso dell'amministrazione Trump sulla questione palestinese potrebbe creare problemi nelle relazioni tra Stati Uniti, Europa e mondo arabo. Donald Trump, infatti, nella conferenza stampa di ieri alla Casa Bianca con il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha detto che la soluzione dei due stati (Israele e Palestina che convivono pacificamente) non è più un elemento fondamentale per arrivare a un accordo tra le due parti. "Mi piacerebbe una soluzione a due Stati o a uno Stato" e "sarò felice con quello che piacerà a israeliani e palestinesi", ha detto Trump.

Un punto di vista che rompe con anni di politiche mediorientali degli Stati Uniti e allo stesso tempo scardina le alleanze. Per la Germania "nonostante le difficoltà siamo convinti che la soluzione dei due stati sia l'unica percorribile per portare la pace nella regione e soddisfare le richieste di entrambe le parti", ha detto Sebastian Fischer, portavoce del ministro degli esteri tedesco.

Anche il primo ministro britannico, Theresa May, nel corso del suo incontro con Netanyahu a Londra, ha detto che il suo Paese continua a essere convinto che la soluzione migliore sia quella dei due stati. E allo stesso tempo ha ricordato come la Grand Bretagna si opponga all'espansione degli insediamenti in Cisgiordania. Nella regione vivono circa 400.000 israeliani e più di 100.000 vivono all'esterno dell'area che in un accordo Israele vorrebbe continuare a mantenere.

Le parole di Trump hanno colpito soprattutto i palestinesi. Hanan Ashrawi, ai vertici dell'Organizzazione per la libertà della Palestina, ha detto che "se la amministrazione Trump dovesse rompere con questa politica (quella dei due stati, ndr.) allora potrebbe distruggere ogni possibilità di arrivare alla pace e metterebbe a serio rischio gli interessi, la posizione e la credibilità all'estero".

Allo stesso tempo, Sallai Meridor, ex ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, ha ricordato che senza la soluzione dei due stati difficilmente le potenze arabe appoggerebbero alcun accordo o semplicemente "si sederebbero al tavolo delle discussioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Salute
Diabete, dieta digiuno è in grado di rigenerare cellule pancreas
Usa
Trump: Parigi non è più Parigi, un mio amico ha smesso di andarci
Usa
Usa, figlio di Muhammad Ali fermato in aeroporto per bando Trump
Usa
Media in rivolta dopo esclusione stampa 'nemica' da briefing Trump
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech