mercoledì 22 febbraio | 03:40
pubblicato il 13/gen/2017 12:56

Siria, Turchia: Usa vanno invitati a negoziati di Astana. Russia per ora tace

Ma si dice "interessata alla più ampia rappresentanza possibile"

Siria, Turchia: Usa vanno invitati a negoziati di Astana. Russia per ora tace

Mosca, 13 gen. (askanews) - Il Cremlino "per ora" tace su un eventuale invito agli Stati Uniti per i negoziati di pace ad Astana che si dovrebbero tenere fra dieci giorni. Sinora era abbastanza chiaro che Washington sarebbe stata esclusa dalla intermediazione, dopo la recente tregua nel Paese devastato dalla guerra. E tuttavia il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha detto che la Turchia e la Russia hanno concordato che Washington "deve essere assolutamente invitata" ai colloqui sul futuro politico del Paese devastato dalla guerra, che si terrà nella capitale del Kazakistan il 23 gennaio, salvo rinvii di una settimana di cui si vocifera da parte dell'opposizione siriana.

Alla richiesta di commentare la dichiarazione turca, però, il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha dichiarato: "Per ora non posso dire nulla su questo argomento. Naturalmente, siamo tutti interessati alla più ampia rappresentanza possibile delle parti in relazione alle prospettive di una soluzione politica in Siria. Ma rispondere specificamente alla domanda, non posso", ha detto Peskov ha detto ai giornalisti.

Per il 23 gennaio il cambio della guardia alla Casa Bianca sarà già avvenuto. E Donald Trump avrà già sostituito il presidente Usa uscente Barack Obama.

I negoziati per la Siria si terranno a fine gennaio nella capitale kazaka, sotto l'egida di Mosca e Ankara, sponsor di un cessate-il-fuoco entrato in vigore il 30 dicembre su tutto il territorio siriano, ma che non riguarda i gruppi jihadisti come l'Isis e l'ex fronte al Nusra. Ai negoziati parteciperà certamente l'Iran e, nei dichiarati auspici del Cremlino, anche altre "potenze regionali" come l'Egitto. Oltre ovviamente a rappresentanti dell'opposizione e del governo di Bashar al Assad. Mentre l'Ovest è apparso sinora escluso.

Ancora a dicembre, il presidente russo Vladimir Putin ha detto che era d'accordo con il leader turco Recep Tayyip Erdogan per continuare il processo di negoziati di pace ad Astana. Secondo lui, la nuova piattaforma è in grado di integrare i colloqui di Ginevra. Il presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev, durante una conversazione telefonica con Putin ed Erdogan ha sostenuto questa iniziativa e ha annunciato la sua disponibilità a fornire una piattaforma per tali colloqui nella capitale kazaka.

Astana rappresenta anche una scelta interessante dal punto di vista degli equilibri all'interno dell'ex spazio sovietico, poichè Nazarbayev arebbe voluto che nella "sua" capitale si tenessero i negoziati di pace per l'Ucraina, che invece poi ebbero luogo a Minsk, in Bielorussia (da cui "accordi di Minsk"). Ora invece la città santuario, costruita quasi da zero da Nazarbayev, potrebbe accogliere i negoziati più centrali del Medio Oriente, magari nella sua piramide nota come il "Palazzo della Pace e della Riconciliazione", ideata e progettata dall'architetto inglese Sir Norman Foster.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Svezia
Due giorni dopo le parole di Trump, in Svezia scoppia rivolta immigrati
Usa
Usa, sì a pedofilia, nuova bufera su guru ultradestra Yiannopoulos
M.O.
Israele, 18 mesi carcere a soldato che uccise palestinese a terra
Usa-Russia
Putin ha ordinato un profilo psicologico di Trump
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia