mercoledì 28 settembre | 00:19
pubblicato il 12/feb/2016 12:35

Schulz a Renzi: stabilità e crescita due facce stessa medaglia

Presidente europarlamento stamattina a Palazzo Chigi

Schulz a Renzi: stabilità e crescita due facce stessa medaglia

Roma, 12 feb. (askanews) - Sorrisi e grande intesa di vedute tra il presidente dell'Europarlamento, il socialista Martin Schulz e il presidente del Consiglio Matteo Renzi per far sì che l'Europa resti "ben piantata a terra", un'Europa che "ha bisogno di rinnovamento e di coraggio".

Al termine dell'incontro di questa mattina a Palazzo Chigi, Schulz, che ha lodato Renzi per il suo "parlar chiaro" e ha dato atto all'Italia dei passi coraggiosi "compiuti sinora", ha parlato di "convergenza di idee" e di "collaborazione costruttiva" in vista del vertice Ue della prossima settimana per "la stabilità e la crescita". "Il patto si chiama così - ha detto Schulz - proprio perché non si può puntare solo sulla stabilità, ma bisogna puntare anche sulla crescita. Senza crescita non c'è stabilità, sono due facce della stessa medaglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Giappone
Eccezionale scoperta: trovate monete romane in Giappone
Siria
La guerra "mostruosa" di Assad: bombe anti-bunker su Aleppo
Nordcorea
Seoul: Corea del Nord potrebbe presto fare nuovo test nucleare
Ue
Regno unito: anche dopo Brexit, contrari a esercito europeo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Parte dal Gemelli Camion del Cuore, ambulatorio mobile cardiologia
Enogastronomia
Vino, Masi Agricola acquisisce il 60% di Canevel (Prosecco)
Start Up
Giovani talenti digitali in gara per l'ufficio postale del futuro
Motori
Cresce l'interesse per le vetture ibride: +41% vendite per l'usato
Turismo
Touring Club, per 66% italiani vacanze 2016 nel Belpaese
Moda
O bag torna a sostenere la Fondazione Umberto Veronesi
Sistema Trasporti
Singapore Airlines inaugura la rotta "Capital Express"
Scienza e Innovazione
Allarme Oms: 92% popolazione mondiale respira aria inquinata
Lifestyle e Design
Editoria, Roberto Ippolito svela tutti gli "Eurosprechi"