martedì 21 febbraio | 01:43
pubblicato il 29/nov/2016 08:20

Scacchi, ancora patta, il mondiale si decide domani al tie-break

In milioni segueno online una sfida che rievoca la guerra fredda

Scacchi, ancora patta, il mondiale si decide domani al tie-break

New York, 29 nov. (askanews) - La dodicesima e ultima partita ufficiale del campionato mondiale di scacchi tra il detentore del titolo Magnus Carlsen e lo sfidante Sergei Kariakin è finita con l'ennesima patta e ora il titolo sarà deciso con un tie-break mozzafiato mercoledì 30, quattro partite semirapide per incoronare il nuovo numero uno del gioco dei re.

attessissima, seguita con emozione da centinaia di spettatori a New York e a oltre sei milioni di internauti (molti hanno anche pagato per seguire la diretta tv in streaming sul sito del campionato), la dodicesima partita della sfida, come nove delle altre 11, è finità con una patta, ribadendo la sostanziale parità tra i due duellanti (e già questa è una sorpresa considerato che i pronostici della vigilia vedevano lo svedese Carlsen nettamente favorito sul russo).

Il regolamento adesso prevede un'ultima sfida delicata e complicatissima. Per cominciare sono in programma quattro partite semi-rapide. All'inizio di ogni incontro ogni giocatore avrà a disposizione 25 minuti d'orologio per mossa contro le tre regolamentari. In caso di perdurante parità ci saranno due manches supplementari in formato "blitz" (cinque minuti d'orologio) e quindi altre otto sempre in formato blitz. Infine, extrema ratio, una partita 'a morte immediata'.

Si avvicina così alla conclusione il match di scacchi forse più seguito degli ultimi decenni, con un ritrovato clima da guerra fredda a fare da sottofondo politico alla battaglia.

Già alla vigilia del match, il capo della federazione russa degli scacchi aveva apertamente evocato la grande epoca del "gioco dei re", quando nel '72, in piena guerra fredda, il duello tra Bobby Fischer e Boris Spassky catturò l'attenzione del mondo.

"Vogliamo resuscitare la febbre degli scacchi di quell'epoca. Allora la sfida era Unione Sovietica contro Stati Uniti. Oggi sono gli Usa, l'unione Europea e le loro sanzioni contro la Russia" aveva detto a sua volta alla vigilia del match Kirsan Iliumzhinov, presidente della Federazione Internazionale Scacchi (FIDE).

Toni di sfida che avevano riverberato anche nelle parole due due sfidanti. Alla vigilia dell'incontro Kariakin era stato molto netto. Carlsen, aveva detto, "dovrà dimostrare di essere migliore di me. Posso batterlo contrattaccando, è il mio piano".

La situazione geopolitica del momento, con le gravi tensioni tra la Russia e l'occidente sulle crisi ucraine e siriane, pesa senz'altro sullo scontro, anche considerata la figura di Kariakin, originario della Crimea e apertamente favorevole all'annessione della penisola alla Russia.

Ucraino di nascita, naturalizzato russo, Kariakin è diventato a 12 anni il più giovane maestro internazionale della storia precedendo in questo record proprio Carlsen (che grande maestro è diventato a 13 anni).

Per la cronaca, sinora Carlsen e Kariakin si sono incontrati 27 volte e in sole due occasioni il russo ha avuto la meglio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Usa, Trump: media mentono su immigrazione che funziona in Svezia
Iraq
Assedio di Mosul, le forze irachene convergono sull'aeroporto
Ue
Ue, Juncker pronto a sbattere porta se Europa non sarà ambiziosa
Nordcorea
Morte Kim Jong Nam, scintille tra Corea del Nord e Malaysia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia