lunedì 05 dicembre | 17:56
pubblicato il 19/ott/2016 16:32

Quando si muore di superlavoro: Giappone s'interpella su "karoshi"

Quasi un'azienda su quattro utilizza eccessivamente straordinario

Quando si muore di superlavoro: Giappone s'interpella su "karoshi"

Roma, 19 ott. (askanews) - C'è una lingua al mondo che ha coniato una specifica parola per indicare la "morte da superlavoro". Si tratta del giapponese, e il termine è "karoshi". E proprio di questo fenomeno, negli ultimi giorni, a Tokyo si discute di nuovo molto. Questo perché sono emerse notizie che legano all'eccessivo carico di lavoro alcuni decessi, tra i quali quello di un cittadino straniero.

Joey Tocnang aveva 27 anni ed era filippino. Era sotto addestramento in una fonderia, quando nell'aprile del 2014 morì d'infarto nel sonno. Lunedì - secondo quanto ha riferito l'agenzia di stampa Kyodo - il Ministero del Lavoro ha finalmente riconosciuto come causa del decesso il "karoshi". La parola è un composto di tre ideogrammi che indicano, appunto la "morte per eccessivo lavoro".

L'operaio era arrivato in Giappone ad agosto 2011 e aveva accumulato, da allora, straordinari per 122,5 ore al mese. Il tutto in palese violazione delle leggi sul lavoro nipponiche.

Il riconoscimento del "karoshi" è piuttosto raro in Giappone e, particolarmente, quando si tratta di lavoratori manuali provenienti dall'estero. Secondo il gruppo di monitoraggio del rispetto dei diritti sui luoghi di lavoro per i tecnici stranieri (Gaikokujin Ginojisshusei Kenri Network) di Tokyo, si tratta solo del secondo caso, dopo quello di un cittadino cinese anch'egli impegnato nel settore metallurgico.

Il superlavoro, come, non risparmia anche il comparto dell'industria della conoscenza e della comunicazione. Oggi l'agenzia Kyodo è tornata sulla luce la vicenda di una dipendente del gigante della pubblicità e delle pubbliche relazioni Dentsu, Matsuri Takahashi, che è morta per infarto a 24 anni, dopo aver accumulato straordinari per oltre 100 ore al mese nell'autunno 2015. Oggi l'azienda ha dovuto ammettere che era stata già ammonita dalle autorità per gli eccessivi carichi di lavoro che applicava ai dipendenti prima della morte di Takahashi.

La settimana scorsa il governo di Tokyo ha diffuso uno studio molto preoccupante: il rapporto annuale sul karoshi. Il 23 per cento delle 1.743 aziende interpellate nello studio ha dichiarato di aver avuto dipendenti che hanno fatto straordinari per oltre 80 ore al mese, un livello superiore a quello di guardia. Il 12 per cento ha dichiarato di aver fatto lavorare dipendenti oltre 100 ore extra al mese. Il 44 per cento di queste aziende appartiene al settore del'informazione e della comunicazione.

Nel 2015 sono stati 96 i decessi dovuti a infarto o ictus e riconosciuti come causati dal superlavoro, oltre a 93 suicidi che sono stati direttamente collegati all'eccessivo carico lavorativo. Va poi presa in considerazione la situazione di 2.159 suicidi, che sono stati attribuiti almeno in parte a problemi lavorativi. Infine, il 45 per cento dei dipendenti interpellati ha dichiarato di essere affaticato e di non avere abbastanza tempo per il riposo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Il no al referendum e le dimissioni di Renzi sui media mondiali
Siria
Siria, forze Assad hanno conquistato un altro quartiere di Aleppo
Usa
Usa, vittoria indiani Sioux: bloccato progetto pipeline in Dakota
Brexit
Brexit, da oggi a Corte Suprema Gb si discute su voto parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari