sabato 21 gennaio | 02:03
pubblicato il 13/gen/2017 08:04

Francia, candidati a nomination socialista evitano scontro aperto

Nel primo dibattito televisivo prima delle primarie

Francia, candidati a nomination socialista evitano scontro aperto

Parigi, 13 gen. (askanews) - I sette candidati alle primarie dei socialisti francesi si sono affrontati ieri sera nel primo dibattito televisivo previsto prima del primo turno delle primarie il prossimo 22 gennaio. Pur senza calcare troppo le differenze e le fratture all'interno della famiglia socialista, tutti o quasi i partecipanti, fra i quali una sola donna Sylvia Pinel, hanno messo in luce il sostanziale fallimento della presidenza Hollande.

A meno di quattro mesi dalle presidenziali, la corsa all'Eliseo si annuncia come un duello fra la destra di Francois Fillon e l'estrema destra di Marine Le Pen, e i socialisti, secondo la maggior parte dei sondaggi, quale che sarà il loro candidato, arriverebbero appena al quarto o quinto posto dopo il primo turno.

Invitati a tirare un bilancio della presidenza socialista, segnata da un'impopolarità record, la gran parte dei setti candidati, di cui cinque ex membri del governo, ha manifestato delusione e frustrazione. "Difficile da difendere", ha commentato l'ex ministro dell'Economia, Arnaud Montebourg, invitato a lasciare il governo nell'agosto 2014 per aver criticato la svolta liberista di François Hollande. L'outsider Benoît Hamon, per breve tempo ministro dell'Educazione nel 2014, ha evocato un sentimento di "incompiuto". Vincent Peillon, ministro dell'Educazione dal 2012 al 2014, ha rimpianto un "profondo sentimento di incomprensione" nei confronti delle scelte del presidente. Solo l'ex premier Manuel Valls, che ha rinunciato all'incarico per candidarsi solo dopo la decisione di Hollande di non correre per un secondo mandato, ha proclamato la sua "fierezza per aver servito i francesi in un periodo così difficile".

Oltre agli avversari della destra, il vincitore delle primarie socialiste (che si svolgeranno il 22 e 29 gennaio) dovrà vedersela con altri due cavalieri solitari nella corsa all'Eliseo: il leader della sinistra radicale, Jean-Luc Mélenchon, e l'ex ministro dell'Economia, Emmanuel Macron, abile oratore e fondatore del movimento En Marche!, che recenti sondaggi vedono in grande ascesa. (fonte afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Melania Trump s'ispira a Jacqueline Kennedy per la mise dell'insediamento
Usa
Usa, l'appello di Ivanka Trump: "Date una chance" a mio padre
Australia
Australia, auto investe folla in via commerciale: tre morti
Facebook
Zuckerberg cerca di cacciare nativi hawaiani dal suo paradiso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4