venerdì 24 febbraio | 16:42
pubblicato il 12/dic/2015 17:31

Eritrea, Ue: aiuti da 200 mln in lotta a povertà e per governance

Nell'ambito dell'11esimo Fondo europeo di sviluppo del 2014-2020

Eritrea, Ue: aiuti da 200 mln in lotta a povertà e per governance

Roma, 12 dic. (askanews) - L'Unione europea ha annunciato aiuti da 200 milioni di euro a favore dell'Eritrea nella lotta alla povertà e per lo sviluppo socio-economico del Paese, attraverso l'11esimo Fondo europeo di sviluppo (Fes) del periodo 2014-2020. Stando a quanto si legge in un comunicato diffuso dalla Commissione europea, l'Ue sosterrà due settori in particolare: l'energia e la governance.

"L'Ue garantirà aiuti allo sviluppo dove sono più necessari per ridurre la povertà e sostenere la popolazione - ha detto il Commissario per la Cooperazione internazionale Neven Mimica, citato nella nota - in Eritrea abbiamo concordato di promuovere attività con risultati concreti per la popolazione, quali la creazione di occupazione e il miglioramento delle condizioni di vita. Allo stesso tempo, stiamo insistendo sul pieno rispetto dei diritti umani nell'ambito del nostro dialogo politico con l'Eritrea".

Nella nota si ricorda che l'Eritrea ha "uno dei più bassi tassi di accesso all'elettricità" per cui "sostenere il settore energetico è essenziale per il popolo eritreo in quanto permetterà di avere un migliore accesso ai servizi sociali, tra cui scuole, ospedali e centri sanitari". Benefici ci saranno anche nel settore agricolo e nello sviluppo del settore ittico.

Il sostegno Ue alla governance avrà due obiettivi, si precisa nella nota: rafforzare la capacità eritrea di gestire meglio le finanze pubbliche e collaborare con le autorità ad applicare le raccomandazioni della revisione periodica universale (il meccanismo delle Nazioni Unite per esaminare le prestazioni dei diritti umani di tutti i 193 Stati membri delle Nazioni Unite). Per quanto riguarda la governance economica, l'Ue collaborerà alla produzione di statistiche affidabili e a costruire un ambiente favorevole per il settore privato.

Nella nota si sottolinea che il programma di cooperazione ha il pieno consenso dei 28 Stati membri dell'Ue.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Gb
Gb, candidato Labour vince supplettive nel bastione della Brexit
Nordcorea
Cos'è il VX, l'agente nervino che ha ucciso Kim Jong Nam
Germania
Figlio Kohl: Merkel "meschina", ha colpe per suicidio mia madre
Usa-Ue
Trump cambia idea sull'Unione europea: "una cosa stupenda"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech