martedì 21 febbraio | 23:25
pubblicato il 13/gen/2017 09:27

Casa Bianca: Epa ha agito "autonomamente" da Obama su caso Fca

Presidente uscente ha fiducia nei funzionari dell'Agenzia

Casa Bianca: Epa ha agito "autonomamente" da Obama su caso Fca

New York, 13 gen. (askanews) - La Casa Bianca non ha avuto un ruolo nel caso Fiat Chrysler Automobiles esploso ieri in Usa e che potrebbe costare al gruppo una multa fino a 4,63 miliardi di dollari. La decisione dell'Agenzia per la protezione ambientale americana di accusare l'azienda guidata da Sergio Marchionne di avere violato le leggi sulle emissioni "è stata presa indipendentemente dalla Casa Bianca". Con queste poche parole un alto funzionario dell'amministrazione Obama ha risposto a una richiesta fatta da AskaNews. Il membro dell'ufficio esecutivo del 44esimo presidente Usa - che ha salvato il settore auto americano durante la peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 e che nel 2009 ha supervisionato l'ingresso dell'Ex Fiat nel capitale dell'ex Chrysler finita in bancarotta - si è poi limitato a ricordare quanto detto qualche ora prima dal portavoce dello stesso Obama.

Josh Earnest aveva spiegato che "le decisioni dell'Epa sono prese dai funzionari dell'Epa e non sono a conoscenza di un coinvolgimento della Casa Bianca su questo caso specifico". Il portavoce ha però aggiunto che Obama "si aspetta che i funzionari all'Epa svolgano i loro compiti per fare rispettare la legge e mettere in atto regole che sono scritte; come lo facciano esattamente, sta a loro".

Earnest non ha voluto rilasciare un commento su come il caso sia stato gestito dall'Epa a una sola settimana dall'insediamento di una nuova amministrazione, quella di un Donald Trump che ha nominato come capo dell'Epa il repubblicano Scott Pruitt, procuratore generale dell'Oklahoma e stretto alleato dell'industria dei combustibili fossili nonché uno dei principali nemici dell'agenda di Obama per affrontare il cambiamento climatico. Tale tempistica è stata criticata dall'amministratore delegato di Fca: ieri in una call, Sergio Marchionne aveva detto di sperare che la mossa non sia il frutto di una "guerra politica" tra l'amministrazione uscente (quella di Obama) e quella in arrivo di Donald Trump: "Considerando l'avventura di Chrysler iniziata con Obama nel 2009", che ha portato prima alla presa di controllo totale del gruppo Usa da parte dell'italiana Fiat nel gennaio 2014 e poi alla nascita di Fca, "sarebbe una mossa sporca", aveva dichiarato il Ceo. A prescindere dalla gestione del caso, che a Marchionne non è certamente piaciuta, Obama "mantiene la sua fiducia nel lavoro importante fatto dall'Epa e ha fiducia nella sua capacità di fare rispettare la legge".

Earnest non si è voluto sbilanciare nemmeno su quello che l'amministrazione Trump dovrebbe fare sul caso Fca, se occuparsene direttamente o meno. Il portavoce di Obama si è limitato a dire che "il rispetto mostrato da noi nei confronti del processo di applicazione [della legge] è una tradizione e un modello che crediamo valga la pena mantenere. Noi lo abbiamo mantenuto nel corso degli ultimi otto anni e speriamo viva con la nuova amministrazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Svezia
Due giorni dopo le parole di Trump, in Svezia scoppia rivolta immigrati
Usa
Usa, sì a pedofilia, nuova bufera su guru ultradestra Yiannopoulos
M.O.
Israele, 18 mesi carcere a soldato che uccise palestinese a terra
Usa-Russia
Putin ha ordinato un profilo psicologico di Trump
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia