mercoledì 22 febbraio | 03:40
pubblicato il 12/gen/2017 17:30

Caos Libia, islamisti prendono controllo ministeri a Tripoli

Cacciati impiegati governo Sarraj che lavora ad accordo con Roma

Caos Libia, islamisti prendono controllo ministeri a Tripoli

Roma, 12 gen. (askanews) - Oggi, nella capitale libica Tripoli, una unità militare appartenente al governo islamista di Salvezza Nazionale ha preso il controllo di diversi ministeri e sedi istituzionali occupate dall'esecutivo d'Accordo nazionale del premier Faez al Sarraj riconosciuto dall'Onu. La notizia data da diversi media locali è stata confermata da una fonte dello stesso governo di Salvezza nazionale ad "Anadolu", agenzia di stampa ufficiale dello Stato turco che sostiene e finanzia gli islamisti di Tripoli. Una mossa apertamente ostile al governo al Sarraj pochi giorni dopo che questo a cominciato a lavorare l'Italia su un accordo per la lotta alla migrazione clandestina subito seguito con la riapertura dell'ambasciata italiana a Tripoli.

La stessa fonte, che ha parlato in condizioni di anonimato, ha spiegato che "al momento dell'irruzione, il ministro incaricato dal Consiglio nazionale del governo d'Accordo nazionale, (Ali Qalamah) non era presente nella sede del ministero", che si trova nella zona di Salhuddine a sud di Tripoli. "L'unità che fatto irruzione ha chiesto agli impiegati di evacuare la sedi e sospendere il lavoro fino ad una nuova comunicazione" ha aggiunto la fonte.

Finora non ci sono state dichiarazioni da parte del governo guidato da al Sarraj.

Lo scorso 14 ottobre, il capo del governo di Salvezza Nazionale Khalifah Ghwell aveva annunciato da Tripoli il ritorno del suo esecutivo ad esercitare le sue funzioni. E questo dopo circa novemesi di auto-sospensione decisa "per fare spazio" al governo d'Accordo Nazionale di al Sarraj. Lo stesso Ghwell, in una intervista precedente fatta sempre all'agenzia turca, aveva spiegato che il ritorno del suo governo "non è in contrasto con le precedenti decisioni" di autosospensione. "Ci siamo ritirati dal potere per proteggere la patria da una divisione", aveva detto spiegando però che "ma le divisioni sono aumentate con l'ingresso del governo al Sarraj a Tripoli (nel marzo 2016) in quanto privo di legittimità", Un ostacolo, quello della legittimità, che si riferisce alla mancata fiducia al governo al Sarraj da parte dell'Assemblea dei deputati di Tobruk, come sancito dall'accordo di al Zureikat in Marocco, grazie al quale era nato l'esecutivo d'Accordo Nazioanle un'anno fa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Svezia
Due giorni dopo le parole di Trump, in Svezia scoppia rivolta immigrati
Usa
Usa, sì a pedofilia, nuova bufera su guru ultradestra Yiannopoulos
M.O.
Israele, 18 mesi carcere a soldato che uccise palestinese a terra
Usa-Russia
Putin ha ordinato un profilo psicologico di Trump
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia