lunedì 05 dicembre | 06:04
pubblicato il 18/ott/2016 19:26

Austria, retromarcia governo: casa natale Hitler non sarà demolita

Ministro Interno ritratta

Austria, retromarcia governo: casa natale Hitler non sarà demolita

Vienna, 18 ott. (askanews) - La casa natale di Adolf Hitler a Braunau am Inn in Austria, non sarà rasa al suolo, come annunciato ieri dal governo austriaco. Lo ha dichiarato il ministro dell'Interno di Vienna, Wolfgang Sobotka, costretto a ritrattare, dopo aver annunciato ieri una sua demolizione, dal comitato di esperti creato ad hoc per decidere sul futuro dell'edificio.

In un comunicato inviato alla Bbc, il comitato ha scritto di essere contrario alla demolizione della casa. "Questo non è il nostro caso. Abbiamo fatto numerose proposte per la concreta e definitiva spoliticizzazione" del luogo fra cui "un progetto di riconversione architettonica".

"Abbiamo affermato chiaramente che una demolizione equivarrebbe ad una negazione del passato nazista dell'Austria", ha chiarito il comitato. L'obiettivo resta quello di evitare che la casa diventi un luogo di pellegrinaggio dei nostalgici del terzo Reich.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Siria
Siria, Osdh: raid russi nella provincia di Idlib: 46 morti
Austria
Seggi aperti in Austria per le elezioni presidenziali
Castro
Raul Castro saluta Fidel: difenderemo la patria e il socialismo
Cuba
Cuba, una cerimonia "semplice" per la sepoltura di Fidel Castro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari