Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • COVID-19, da Ambasciata Cina a Roma avviso d’allerta a connazionali

colonna Sinistra
Venerdì 16 ottobre 2020 - 10:22

COVID-19, da Ambasciata Cina a Roma avviso d’allerta a connazionali

100 cinesi contagiati, non farsi influenzare da "cieco ottimismo"
COVID-19, da Ambasciata Cina a Roma avviso d’allerta a connazionali

Roma, 16 ott. (askanews) – L’Ambasciata cinese a Roma ha segnalato in un avviso pubblicato sul sito internet che quasi 100 citadini cinesi hanno contratto COVID-19 in Italia, con un impatto “molto più grave della prima ondata dell’epidemia”, e ha invitato i concittadini a non farsi “influenzare da voci di ‘cieco ottimismo’”, perché “l’epidemia è più feroce della tigre”.

“Attualmente sono stati contagiati quasi 100 viaggiatori cinesi e studenti in Italia e molti di loro sono gravemente malati”, ha segnalato nell’avviso diretto ai connazionali l’ambasciata cinese. “L’impatto è molto più importante di quello della prima ondata dell’epidemia. La lezione – ha continuato – è profondamente dolorosa ed è allarmante Per questo motivo, l’Ambasciata cinese in Italia ricorda ancora una volta con forza a tutti i cittadini cinesi residenti, agli studenti e al personale delle istituzioni cinesi in Italia di essere attenti, di rafforzare le precauzioni e di prendersi cura di salute e sicurezza”.

La comunicazione ricorda che il governo italiano ha introdotto “misure severe di prevenzione e controllo”, ma invita anche a non prendere sottogamba la situazione, non dando ascolto a voci di “cieco ottimismo” perché l’epidemia è “più feroce della tigre”. In assenza di farmaci e vaccini, l’appello è quello alla “rigida autodisciplina” e al “rafforzamento della prevenzione”.

L’Ambasciata ha anche invitato al rispetto delle regole imposte dal governo italiano e a “essere responsabili per se stessi e per la società”. Inoltre ha chiesto di “riprendere il lavoro e la scuola in modo sicuro e protetto”. Perché, continua, “recentemente ci sono state molti contagi nella comunità cinese legati alla ripresa del lavoro e della produzione per cui la sede diplomatica chiede di lavorare “inconformità con le normative di prevenzione” e di prestare particolare cura alla disinfezione del personale, dei luoghi di lavoro e delle merci.

Altrettanto per le scuole, dove agli studenti cinesi l’Amvascata chiede di rispettare le distanze di sicurezza, di indossare i dispositivi di protezione, evitare i contatti non necessari e prestare “attenzione alla salute mentale”.

Oltre a dare indicazioni su come comportarsi in caso di sospetto di contagio, la nota chiede anche di affrontare “con calma”, in modo “scientifico e razionale”, evitando “il panico” la seconda ondata epidemica, non credendo “alle voci” e non diffondendole.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su