Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Migranti, Steinmeier: su Italia molta pressione, Ue agisca subito

colonna Sinistra
Giovedì 17 settembre 2020 - 07:16

Migranti, Steinmeier: su Italia molta pressione, Ue agisca subito

"Dibattito su Accordo di Dublino in corso da troppo tempo"
Migranti, Steinmeier: su Italia molta pressione, Ue agisca subito

Roma, 17 set. (askanews) – “Le terribili immagini di Moria rispecchiano le conseguenze della politica per i rifugiati europea, tuttora irrisolta. Trovare una sistemazione dignitosa per rifugiati e migranti è un imperativo sia giuridico che morale. È, pertanto, un importante segnale in quest’emergenza che la Germania come altri Paesi europei sia disposta ad accogliere rifugiati provenienti dalla Grecia. Negli scorsi anni, la Grecia e l’Italia, quali Paesi di prima accoglienza, hanno dovuto sopportare il peso principale e molta pressione”. E’ quanto afferma il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier in un’intervista a Repubblica, in cui sottolinea che “l’Italia come Paese di prima accoglienza fa tantissimo — e lo fa già da anni”.

“Il dibattito sull’Accordo di Dublino per la distribuzione dei rifugiati è in corso già da troppo tempo, come anche il dibattito su un diritto comune d’asilo”, argomenta poi Steinmeier. “Spero che le prossime decisioni della Commissione UE ci avvicinino al consenso urgentemente necessario”.

“In definitiva”, insiste il presidente tedesco, “l’Europa ha bisogno di consenso su due punti: efficace protezione delle frontiere esterne, ma anche un’intesa sull’accoglienza e sulla distribuzione dei rifugiati. E questo deve andare di pari passo con un più forte ruolo dell’Europa nella pacificazione dei conflitti in atto nelle nostre immediate vicinanze. Ciò vale in particolare per il conflitto in corso da anni in Libia. Anche le crescenti tensioni fra la Turchia e la Grecia richiedono una chiara posizione europea. In entrambi i casi, la politica estera europea è chiamata ad agire”.

Coa

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su