Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Libia, pescatori telefonano a parenti: in carcere, fateci uscire

colonna Sinistra
Mercoledì 16 settembre 2020 - 12:27

Libia, pescatori telefonano a parenti: in carcere, fateci uscire

Durante L'aria che tira su La7. "Siamo in galera, ci trattano bene"
Libia, pescatori telefonano a parenti: in carcere, fateci uscire

Roma, 16 set. (askanews) – “Siamo in galera, siamo tutti qui, ci trattano bene, non ci fanno male ma non ci fanno uscire. Non possiamo stare qui. Fate l’impossibile, chiamate l’ambasciata. Siamo esauriti, tirateci fuori”. Così uno dei 18 pescatori di Mazara del Vallo arrestati in Libia dalle milizie del generale Khalifa haftar in una telefonata ai parenti che erano in collegamento con la trasmissione di La7 “L’aria che tira”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su