Header Top
Logo
Domenica 7 Giugno 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Covid-19, presidente Camerun rompe silenzio: “Situazione difficile”

colonna Sinistra
Mercoledì 20 maggio 2020 - 11:19

Covid-19, presidente Camerun rompe silenzio: “Situazione difficile”

Discorso alla nazione dopo oltre 2 mesi: casi aumentano giornalmente
Covid-19, presidente Camerun rompe silenzio: “Situazione difficile”

Roma, 20 mag. (askanews) – Dopo più di due mesi di silenzio, con il Paese in piena pandemia di coronavirus, l’87enne presidente del Camerun Paul Biya ha pronunciato ieri sera un discorso alla nazione, ammettendo che il paese “soffre per il Covid-19” e che “il numero di persone infettate sta aumentando di giorno in giorno”.

Il lungo silenzio di Biya, in un momento molto difficile per il Paese, è stato interpretato dai più critici come un fallimento personale del presidente. L’ultimo suo discorso alla nazione risaliva al 5 marzo scorso, nonostante il Camerun abbia confermato 140 vittime e oltre 3.500 casi di contagio del coronavirus dall’inizio dell’epidemia.

“La lotta alla pandemia è complessa e difficile”, ha commentato ieri il capo dello Stato, le cui parole sono state diffuse da CRTV.

Biya ha esortato i suoi connazionali a rispettare “le misure adottate dal governo, come l’uso obbligatorio delle mascherine” ed ha chiesto “di non cedere al panico e non credere alle false informazioni diffuse sui social network”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su