Header Top
Logo
Giovedì 9 Aprile 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Allarme Epha: inquinamento aumenterà vittime con il coronavirus

colonna Sinistra
Lunedì 16 marzo 2020 - 14:25

Allarme Epha: inquinamento aumenterà vittime con il coronavirus

Emissioni motori benzina e diesel ancora a livelli pericolosi
Allarme Epha: inquinamento aumenterà vittime con il coronavirus

Roma, 16 mar. (askanews) – L’aria inquinata nelle aree urbane che provoca ipertensione, diabete e altre malattie respiratorie potrebbe portare a un maggior numero di vittime complessive a causa dell’epidemia di coronavirus che sta colpendo tutto il mondo. E’ il monito lanciato dall’Alleanza europea per la salute pubblica (Epha).

Le emissioni dei motori a benzina e diesel sono ancora a livelli “pericolosi” che possono mettere in pericolo i più vulnerabili durante questa pandemia e quelle future, ha affermato la European Respiratory Society (Eps), che fa parte dell’Epha.

“I pazienti con patologie polmonari e cardiache croniche causate o aggravate dall’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico sono meno in grado di combattere le infezioni polmonari e hanno maggiori probabilità di morire”, ha detto Sara De Matteis, esponente dell’Eps. “Questo è probabilmente anche il caso di COVID-19”, ha aggiunto De Matteis, che è anche docente associato di medicina del lavoro e ambientale presso l’Università di Cagliari.

Sebbene attualmente non ci sia alcun legame provato tra la mortalità da COVID-19 e l’inquinamento atmosferico, uno studio sull’epidemia di Sars del 2003 ha mostrato che i pazienti nelle regioni con livelli moderati di inquinamento atmosferico avevano l’84 per cento di probabilità in più di morire rispetto a quelli nelle regioni a bassi livelli di inquinamento.

Secondo l’Agenzia europea dell’ambiente, l’inquinamento atmosferico provoca circa 400mila vittime precoci in tutto il continente ogni anno, nonostante le direttive sulla qualità dell’aria dell’Unione europea.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su