Header Top
Logo
Venerdì 21 Febbraio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Argentina, Cgie: comunità italiana offesa, intervenga Di Maio

colonna Sinistra
Giovedì 13 febbraio 2020 - 13:04

Argentina, Cgie: comunità italiana offesa, intervenga Di Maio

Segretario generale Schiavone lancia un appello al ministro
Argentina, Cgie: comunità italiana offesa, intervenga Di Maio

Roma, 13 feb. (askanews) – Il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero ha espresso “solidarietà e vicinanza” alla comunità italiana in Argentina, dopo un’uscita a dir poco infelice della vice presidente Cristina Fernandez de Kirchner. A “scendere in campo” è stato il segretario generale Michele Schiavone, che ha lanciato un appello a intervenire al ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, nonché Presidente dell’organismo, Luigi Di Maio.

“La perdita del buonsenso causa spesso difficoltà insanabili perché affermazioni come quelle espresse dalla vicepresidente della Repubblica argentina, Cristina Fernandez de Kirchner, nei giorni scorsi alla Fiera del libro dell’Avana sono biasimevoli, non solo per la rude gravità offensiva, ma anche per la inaudita generalizzazione di concetti improponibili”, ha detto Schiavone.

“Nel tentativo di porre l’accento sulle rivalità politiche locali con l’ex presidente di origine italiana, Mauricio Macri, si è lasciata andare a un imperdonabile spergiuro contro i nostri connazionali apostrofandoli come ‘mafiosi per eredità genetica’”, ha ricordato, “Il rischio di una crisi diplomatica per un’insensata approssimazione è ipotizzabile”.

“Il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero ha ricevuto numerose lettere e messaggi attraverso i social network da parte dei nostri connazionali e italo-argentini residenti nella terra di Peron, indignati e irritati dagli accostamenti infamanti profusi dalla vicepresidente Kirchner nei loro riguardi, nei quali sono contenute sollecitazioni e la richiesta di un intervento diplomatico del nostro governo per un chiarimento e per ristabilire la loro dignità”, ha aggiunto Schiavone.

“Per queste ragioni il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero esprime solidarietà e vicinanza alla nostra Comunità in Argentina e chiede al titolare del Ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale, nonché Presidente del nostro organismo, Luigi Di Maio, di intervenire per riportare il buonsenso sui binari della tolleranza”, ha concluso il segretario generale del Cgie, “e per ripristinare i rapporti umani e sociali nel rispetto della nostra storia e delle tradizioni, che meritano gratitudine e riconoscenza per aver contribuito a trasformare quella terra in un paese con un florido e prosperante futuro tra i più avanzati del continente sudamericano”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su