Header Top
Logo
Lunedì 17 Febbraio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Azerbaigian, exit poll consegnano maggioranza a partito governo

colonna Sinistra
Domenica 9 febbraio 2020 - 21:30

Azerbaigian, exit poll consegnano maggioranza a partito governo

Si attendono per domani i primi risultati parziali
Azerbaigian, exit poll consegnano maggioranza a partito governo

Baku, 9 feb. (askanews) – Le urne sono chiuse da cinque ore, lo spoglio è già iniziato e un primo verdetto è arrivato dagli exit poll diffusi intorno alle 20:00 ora dell’Azerbaigian (le 17:00 in Italia). Secondo gli exit il partito di governo, il Nuovo Partito Azerbaigiano (Yap) ha conquistato la maggioranza dei 125 seggi del Parlamento, con 69 parlamentari eletti.

L’exit poll, se confermato dai risultati ufficiali che si conosceranno soltanto domani, registra una conferma del partito del presidente Ilham Aliyev che ha convocato le elezioni anticipate per rafforzare il sostegno nel Milli Majlis per portare avanti la sua agenda di riforme per la modernizzazione del Paese e dell’amministrazione pubblica.

Secondo l’exit poll i candidati indipendenti hanno ottenuto 41 seggi, il resto dei posti in Parlamento viene occupato dal partito Azerbaigiano Unito con 3 seggi, stesso risultato per il partito Solidarietà, il Partito azerbaigiano delle Riforme democratiche un seggio, come il Great Composition Party, il Partito nazionale e il partito dei Cittadini.

Le urne sono rimaste aperte dalle 8:00 (le 5:00 in Italia) alle 19:00 (le 16:00 in Italia) e al momento non è ancora stata annunciata l’affluenza complessiva. Alle 17:00 aveva votato il 44,84% degli aventi diritto. Nella scorsa tornata elettorale nel 2015 l’affluenza complessiva si era fermata intorno al 55%.

Gli osservatori delle missioni dei parlamenti nazionali, tra cui anche l’Italia, non hanno rilevato mancanze nelle procedure di voto, al contrario hanno sottolineato una grande attenzione alle norme e la presenza di tante donne e di molti rappresentanti di lista ai seggi, ma si attende la valutazione dell’Osce e delle altre organizzazioni internazionali, prevista per domani.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su