Header Top
Logo
Domenica 15 Dicembre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Clima, 11.000 scienziati: emergenza “chiara e inequivocabile”

colonna Sinistra
Martedì 5 novembre 2019 - 19:18

Clima, 11.000 scienziati: emergenza “chiara e inequivocabile”

Studio pubblicato il giorno di ritiro Usa da accordo Parigi
Clima, 11.000 scienziati: emergenza “chiara e inequivocabile”

Roma, 5 nov. (askanews) – Il pianeta terra sta affrontando un’emergenza climatica “chiara e inequivocabile”. E’ quanto emerge da uno studio sottoscritto da circa 11.000 scienziati di tutto il mondo, come scrive oggi la BBC lo stesso giorno della notifica formale presentata dall’amministrazione del presidente Donald TRump per il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo di Parigi dagli Stati Uniti avviando un processo burocratico della durata di un anno che porterà il Paese fuori dall’intesa globale sulla lotta al cambiamento climatico.

Lo studio, basato su 40 anni di dati su una serie di misure, afferma che i governi non riescono ad affrontare la crisi. Senza cambiamenti profondi e duraturi, il mondo sta affrontando “indicibili sofferenze umane”, dice lo studio mentre i ricercatori affermano di avere l’obbligo morale di avvertire della portata della minaccia.

Emesso lo stesso giorno in cui i dati satellitari mostrano che il mese scorso è stato l’ottobre più caldo mai registrato, il nuovo studio afferma che la semplice misurazione delle temperature globali della superficie è un modo inadeguato per catturare i pericoli reali di un mondo surriscaldato. Quindi gli autori includono una serie di dati che ritengono rappresentino una “serie di segni grafici vitali del cambiamento climatico negli ultimi 40 anni”.

Questi indicatori comprendono la crescita delle popolazioni umane e animali, la produzione di carne pro capite, la perdita globale della copertura arborea e il consumo di combustibili fossili.

Alcuni progressi sono stati osservati in alcune aree. Ad esempio, l’energia rinnovabile è cresciuta in modo significativo, con un consumo di eolico e solare in aumento del 373% per decennio – ma ancora 28 volte inferiore rispetto all’uso di combustibili fossili nel 2018. Nel loro insieme, i ricercatori affermano che la maggior parte dei loro indicatori di segni vitali sta andando nella direzione sbagliata e si aggiunge a un’emergenza climatica.

“Un’emergenza significa che se non agiamo o rispondiamo agli impatti dei cambiamenti climatici riducendo le nostre emissioni di carbonio, riducendo la nostra produzione di bestiame, riducendo la nostra bonifica dei terreni e il consumo di combustibili fossili, gli impatti saranno probabilmente più gravi di quanto abbiamo sperimentato ad oggi “, ha dichiarato l’autore principale, Thomas Newsome, dell’Università di Sydney. “Ciò potrebbe significare che ci sono aree sulla Terra che non saranno abitabili dalle persone”.

In che cosa differisce dagli altri rapporti sui cambiamenti climatici? Lo studio fa eco a molti degli avvertimenti che sono stati segnalati dagli scienziati, incluso l’IPCC. Gli autori hanno deciso di presentare un quadro grafico chiaro e semplice di una più ampia gamma di indicatori che può portare al pubblico e ai governi che la minaccia è grave mentre la risposta è stata finora scarsa.

Il punto in cui differisce è nel mostrare che mentre le cose potrebbero andare male, non si è senza speranza. I ricercatori mostrano sei aree in cui dovrebbero essere presi provvedimenti immediati che potrebbero fare la differenza:

ENERGIA I politici dovrebbero imporre tasse sul carbonio sufficientemente elevate da scoraggiare l’uso di combustibili fossili, dovrebbero porre fine ai sussidi alle società di combustibili fossili e attuare pratiche di conservazione di massa sostituendo nel contempo petrolio e gas con fonti rinnovabili

INQUINANTI DI BREVE DURATA Questi includono metano, idrofluorocarburi e fuliggine: i ricercatori affermano che la limitazione di questi ha il potenziale per ridurre del 50% la tendenza al riscaldamento a breve termine nei prossimi decenni.

NATURA Ripristina foreste, praterie e mangrovie che aiuterebbero tutti a ridurre il CO2.

CIBO E’ necessario un grande cambiamento nella dieta, dicono i ricercatori in modo che le persone mangino principalmente piante e consumino meno prodotti animali. Anche la riduzione degli sprechi alimentari è considerata critica.

ECONOMIA Convertire la dipendenza dell’economia dai combustibili a base di carbonio e cambiare strada riguardo alla crescita del prodotto interno lordo del mondo e al perseguimento della ricchezza.

POPOLAZIONE Il mondo deve stabilizzare la popolazione globale che cresce di circa 200.000 persone al giorno.

Chi sono gli scienziati che hanno approvato il rapporto? Circa 11.000 ricercatori di tutti i tipi e varietà di 153 paesi hanno sostenuto la ricerca. Gli autori affermano di non aver preso di mira individui, quindi c’è una marcata mancanza di alcuni dei nomi più importanti nella ricerca sui cambiamenti climatici.

“Abbiamo emissioni crescenti, temperature in aumento, e lo sappiamo da 40 anni e non abbiamo agito – non è necessario essere uno scienziato missilistico per sapere che abbiamo un problema”, ha affermato il dottor Newsome.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su