Header Top
Logo
Mercoledì 23 Ottobre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Primo soldato turco morto nell’offensiva lanciata da Erdogan in Siria

colonna Sinistra
Venerdì 11 ottobre 2019 - 08:28

Primo soldato turco morto nell’offensiva lanciata da Erdogan in Siria

Ankara: durante uno scontro con i terroristi
Primo soldato turco morto nell’offensiva lanciata da Erdogan in Siria

Roma, 11 ott. (askanews) – Un primo soldato turco è morto nel corso dell’offensiva turca nel nord della Siria, lo ha annunciato il ministero della Difesa di Ankara in un comunicato. Il militare è rimasto ucciso nel corso dei combattimenti tra l’esercito e le milizie curdosiriane delle Unità di protezione del popolo (Ypg). “Un nostro fratello d’armi è morto da martire giovedì 10 ottobre nel corso di uno scontro con i terroristi del Ypg nella zona dell’operazione Fonte di pace”, ha affermato il minsitero in una nota.

Intanto oggi a Istanbul il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, incontrerà il presidente turco Recep Tayyp Erdogan. In una intervista al Corriere della Sera, Stoltenberg ha detto: “Quanto succede in Siria dimostra ancora una volta la necessità di una soluzione politica”.

“Riconoscerò che la Turchia è l’alleato contro il quale è stato compiuto il numero più alto di attacchi terroristici, che ha alcune legittime preoccupazioni di sicurezza. Ma allo stesso tempo darò risalto all’importanza del contenersi e di evitare perdite civili”, ha detto Stoltenberg a proposito dell’incontro e dell’offensiva turca nel Nord della Siria.

Il segretario generale della Nato ha auspicato inoltre che “le tensioni aumentate in Siria non facciano tornare liberi i foreign fighter, combattenti stranieri, adesso prigionieri”, “va evitato che con le tensioni nel Nord della Siria tornino in libertà. Parliamo di migliaia di combattenti colpevoli di tremende violenze contro gente innocente”.

“Nel 2014 tutti gli alleati erano preoccupati perché Daesh (Isis) controllava un territorio grande come il Regno Unito.

Poi abbiamo formato una coalizione che comprende Stati Uniti e Turchia. Forze sul terreno hanno portato progressi enormi. La lotta a Daesh non è finita, anche se ha ottenuto il buon risultato di privarlo del dominio su terre”.

E a proposito dei combattenti curdi e del “tradimento” degli Usa, Stoltenberg ha aggiunto: “In Siria la Nato non è sul terreno. Lo sono alleati della Nato, non noi. È pubblico, si legge sui giornali, che esistono differenze tra varie nazioni su come trattare la situazione nel Nord della Siria. Per me sottolinea l’importanza del contenersi e appoggiare un progetto politico”.

Dmo/Int9

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su