Header Top
Logo
Sabato 22 Febbraio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Facebook blocca messaggio chat di Netanyahu: istiga all’odio

colonna Sinistra
Giovedì 12 settembre 2019 - 17:05

Facebook blocca messaggio chat di Netanyahu: istiga all’odio

Disattivato per 24 ore il "chat bot" con messaggio contro arabi
Facebook blocca messaggio chat di Netanyahu: istiga all’odio

Roma, 12 set. (askanews) – Facebook ha disattivato per 24 ore il “chat bot” della pagina del premier israeliano Banjamin Netanyahu per istigazione all’odio: il messaggio automatico che veniva condiviso con chiunque interagisse con la pagina accusava gli elettori arabi di voler “distruggere” tutti gli israeliani.

Come riporta il Financial Times, lo stesso Netanyahu ha più volte avvertito – senza peraltro alcuna prova – che gli elettori arabo-israeliani hanno intenzione di commettere delle frodi su larga scala nelle elezioni del prossimo 17 settembre.

Il premier israeliano ha tuttavia preso le distanze dal contenuto del post, che stando al suo partito, il conservatore Likud, sarebbe stato inserito per un errore di un collaboratore e che invita gli elettori a impedire la nascita di un “debole governo laico di sinistra che si affida agli arabi che vogliono distruggerci tutti, uomini, donne e bambini, e che permetterà all’Iran di dotarsi di un’arma nucleare per eliminarci”.

“Dopo un’attenta revisione delle attività bot della campagna elettorale del Likud, abbiano riscontrato una violazione della nostra politica sull’istigazione all’odio”, ha reso noto Facebook in un comunicato.

La decisione di Facebook è arrivata in seguito ad un reclamo avanzato da Ayman Odeh, uno dei principali esponenti politici arabo-israeliani, che aveva denunciato “il messaggio razzista e pericoloso rivolto contro la popolazione araba”.

La pagina di Netanyahu ha oltre 2,4 milioni di follower e costituisce una componente fondamentale della campagna elettorale del premier, in un momento in cui stando ai sondaggi avrebbe non poche difficoltà per formare una coalizione di governo.

Mgi MAZ

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su