Header Top
Logo
Domenica 15 Settembre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Tunisia al voto, domenica 26 candidati per la carica di presidente

colonna Sinistra
Martedì 10 settembre 2019 - 16:10

Tunisia al voto, domenica 26 candidati per la carica di presidente

Al centro della contesa ampliamento poteri capo dello Stato
Tunisia al voto, domenica 26 candidati per la carica di presidente

Roma, 10 set. (askanews) – Con la morte del presidente Beji Caid Essebsi a fine luglio, i tunisini sono chiamati a eleggere un nuovo capo di stato domenica 15 settembre, due mesi prima di quanto inizialmente previsto. Il primo turno del voto presidenziale precederà le elezioni parlamentari, previste per ottobre, mentre a novembre si svolgerà il secondo turno per la presidenza. Al centro del dibattito elettorale, nell’unico Paese uscito indenne dalla ‘Primevera araba’ del 2011, l’ampliamento dei poteri del capo dello Stato, ridimensionati dopo la rivoluzione dei gelsomini.

Tra i 26 candidati in competizione ci sono una serie di pesi massimi politici: l’attuale primo ministro Youssef Chahed, il ministro della Difesa Abdelkarim Zbidi, il magnate dei media detenuto Nabil Karoui e Abir Moussi, una delle due candidate donne che era stata un alto funzionario del deposto regime di Zine El-Abidine Ben Ali.

Sotto il padre fondatore della Tunisia, Habib Bourguiba, i poteri del presidente, come indicato dalla costituzione del 1959, si estendevano a quasi tutte le sfere della società. Ma sulla scia della rivoluzione del 2011, i membri dell’assemblea costituente hanno cercato di limitare il potere del capo dello Stato, dando vita a una costituzione che ha lasciato al presidente un mandato limitato agli Affari Esteri, alla Difesa e alla Sicurezza Nazionale.

UNA PRESIDENZA PIÙ FORTE? Alcuni candidati presidenziali, in particolare Zbidi, hanno espresso la loro frustrazione per l’attuale configurazione costituzionale, affermando che non consente né un sistema presidenziale né parlamentare. “Questo è irragionevole. La mancanza di efficienza in questo sistema ibrido interrompe la ripresa economica e la transizione democratica”, ha recentemente dichiarato Zbidi all’agenzia di stampa Reuters. Se eletto, il 69enne ha dichiarato che presenterà un emendamento costituzionale che autorizzerebbe la presidenza a tenere un referendum popolare.

A tale proposito, viene affiancato da Abir Moussi, un tempo vice segretario generale del partito Democratic Constitution Rally (RCD) di Ben Ali.

Il partito islamico, Ennahda, che ha guidato gli sforzi per erigere un sistema parlamentare durante il periodo di transizione post-rivoluzione dal 2011 al 2014, ha riconosciuto i problemi con l’attuale struttura politica. “Il grande dilemma è che i poteri esecutivi … sono divisi tra due persone: il capo dello stato e il capo del governo”, ha detto al portale di notizie Middle East Eye, Abdelfattah Mourou, vice presidente del partito e primo candidato presidenziale.

Ma lungi dal provocare una protesta, molti tunisini stanno accogliendo con favore le proposte di tornare a un sistema presidenziale. “I politici tunisini e il pubblico in generale sono stati programmati per credere che la presidenza sia il vero potere”, come ha detto ad Al Jazeera Nessim Ben Gharbia, commentatore politico. “Molte persone presumono erroneamente che il presidente incarni lo stato e, pertanto, dovrebbe avere il maggior numero di prerogative”.

L’instabilità istituzionale che ha seguito la fuga di Ben Ali dal Paese tra le proteste diffuse nel 2011 potrebbe avere qualcosa a che fare con l’attuale popolarità della presidenza, ha detto Ben Gharbia.

DA RIVOLTA 2011 PAESE HA AVUTO 9 GOVERNI Dalla rivolta popolare del 2011, la Tunisia ha avuto ben 9 governi. L’incapacità degli esecutivi post-rivoluzione dei gelsomini, di far fronte all’aumento della disoccupazione e alla ripresa dell’inflazione combinata con attacchi terroristici a località turistiche – paralizzando un settore vitale – hanno lasciato molti tunisini scontenti dei loro nuovi vantaggi democratici.

INVERSIONE DATE VOTO PRESIDENZIALE E PARLAMENTARE Mentre le elezioni presidenziali inizialmente si sarebbero tenute a novembre, la morte di Essebsi il 25 luglio ha reso necessaria l’anticipazione della data di voto in vista delle elezioni parlamentari previste per ottobre.

Il cambiamento nella cronologia ha costretto i partiti a modificare i loro piani e mettere più energia nella corsa presidenziale, secondo Abdel Aziz Hali, un giornalista tunisino. “Con l’inversione del calendario elettorale, qualcuno come il primo ministro Youssef Chahed non ha potuto correre il rischio di gettare tutto il peso del suo partito solo dietro il voto parlamentare”, ha detto ad Al Jazeera.

Con il secondo turno delle elezioni presidenziali che si svolgono dopo il voto legislativo di ottobre, i due principali candidati che emergono dal primo turno potrebbero usare le loro posizioni per aumentare le possibilità dei loro partiti nelle elezioni parlamentari.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su