Header Top
Logo
Mercoledì 21 Agosto 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Leader Hong Kong: manifestanti ci spingono nell’abisso

colonna Sinistra
Martedì 13 agosto 2019 - 08:11

Leader Hong Kong: manifestanti ci spingono nell’abisso

Carrie Lam incalzata dai giornalisti, sull'orlo delle lacrime
Leader Hong Kong: manifestanti ci spingono nell’abisso

Roma, 13 ago. (askanews) – La leader di Hong Kong Carrie Lam ha accusato oggi i manifestanti pro-democrazia di spingere l’ex colonia britannica “nall’abisso”. Lam ha tenuto una conferenza stampa all’indomani di due giorni di tensioni e manifestazioni che hanno tenuto la sua amministrazione sotto scacco.

Lam ha avvertito che Hong Kong ha “raggiunto una situazione pericolosa”, con una formula quella usata ieri da Pechino, e che la violenza sta portando su “una via senza ritorno”.

La Chief Executive di Hong Kong è apparsa tesa e provata durante la conferenza stampa, nella quale l’esponente politica è stata interrotta perché ha evaso le domande più scabrose.

Da tre mesi Hong Kong è attraversata da manifestazioni, che spesso hanno avuto come esito violenze. I manifestanti hanno accusato la polizia di aver esercitato violenze. Ieri una giovane insegnante è stata colpita a un occhio, che rischia di perdere, da una pallottola a cuscinetto “bean bag” sparata dagli agenti.

Pechino dal canto suo ha avvertito che ci sono “segnali di terrorismo” all’interno del movimento che si oppone all’amministrazione della regione ad autonomia speciale e ha accusato forze esterne, a partire dagli Stati uniti, di soffiare sul fuoco della protesta per suscitare una “rivoluzione colorata”.

Le manifestazioni sono partite dall’opposizione alla proposta di nuova legge sull’estradizione che, secondo gli oppositori, consentirebbe a Pechino di mettere le mani sui dissidenti. Nonostante, però, l’amministrazione abbia ritirato l’emendamento, la protesta non si è fermata sia perché non si crede davvero che non verrà più ripresentata, sia perché le dimostrazioni hanno preso una dimensione più ampia, chiedendo le dimissioni di Lam e contestando Pechino.

Durante la conferenza stampa, a un certo punto, Lam è apparsa sull’orlo delle lacrime, quando ha fatto un appello all’unità. “Prendetevi un minuto per pensare, guardate alla nostra città, alla nostra casa: volete veramente vederla spinta in un abisso?” ha detto secondo l’agenzia di stampa AFP. Anche queste frasi richiamano le stesse formule utilizzate ieri da Pechino.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su