Header Top
Logo
Lunedì 22 Luglio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Maxi multa a Facebook, 5 mld dollari per caso Cambridge Analytica

colonna Sinistra
Venerdì 12 luglio 2019 - 23:49

Maxi multa a Facebook, 5 mld dollari per caso Cambridge Analytica

La multa più ingente mai comminata da FTC statunitense
Maxi multa a Facebook, 5 mld dollari per caso Cambridge Analytica

Roma, 12 lug. (askanews) – Una multa da circa 5 miliardi di dollari è stata inflitta a Facebook dalla Federal Trade Commission statunitense (FTC, l’authority indipendente per la tutela dei consumatori) nel corso di una procedura di patteggiamento, per aver violato la privacy nello scandalo Cambridge Analytica.

Sarebbe la multa più imponente mai inflitta a una compagnia tech dalla FTC (la precedente per ordine di grandezza risale al 2012 quando Google accettò di pagare una sanzione da 22,5 milioni di dollari sempre per questioni di privacy).

La FTC aveva cominciato a indagare sulla vicenda nel marzo del 2018, quando emerse che Cambridge Analytica, compagnia di consulenza politica elettorale con sede a Londra, fondata fra l’altro da Steve Bannon, aveva avuto accesso agli account di 87 milioni di utenti Facebook.

A quanto riferiscono sia Wall Street Journal che Washington Post, il voto a porte chiuse alla FTC è stato di 3 a 2 per la maxi stangata, e i componenti dell’authority si sono divisi per appartenenza politica: hanno votato sì alla multa i 3 componenti repubblicani, no i 2 membri democratici della FTC.

Facebook aveva affermato in aprile, ammettendo di essere vicino alla fine del negoziato con la FTC, di aspettarsi una sanzione fra i 3 e i 5 miliardi di dollari. La compagnia fondata da Mark Zuckerberg ha un profitto di oltre 15 miliardi di dollari nel solo primo trimestre 2019.

Secondo alcuni analisti, i repubblicani della FTC in realtà stanno solo comminando un buffett a Facebook. “Questa non è una multa, è un favore a Facebook” afferma Matt Stoller dell’Open Markets Institute, specializzato nei poteri dei monopoli, secondo quanto riporta The Guardian. “E’ solo una sanzione amministrativa che permetterà a Facebook di continuare a invadere la privacy degli utenti”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su