Header Top
Logo
Venerdì 27 Aprile 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Cavie umane in Giappone per testare armi batteriologiche, la storia dell’Unità 731

colonna Sinistra
Lunedì 16 aprile 2018 - 15:07

Cavie umane in Giappone per testare armi batteriologiche, la storia dell’Unità 731

Rivelati i nomi di chi partecipò al programma che fece 3.000 morti
Cavie umane in Giappone per testare armi batteriologiche, la storia dell’Unità 731

Roma, 16 apr. (askanews) – Gli Archivi nazionali del Giappone hanno reso pubblici i nomi dei 3.607 membri della famigerata Unità 731, che condusse in Cina esperimenti su prigionieri vivi per la guerra batteriologica in una delle pagine più raccapriccianti del conflitto in Asia orientale. Lo scrive l’agenzia di stampa Kyodo.

“E’ la prima volta che quasi tutti i nomi reali e gli ndirizzi dei membri dell’unità vengono svelati in un documento ufficiale e definitivo”, ha commentato al Japan Tiems il professor Katsuo Nishiyama dell’Università di Shiga, che è a capo di un progetto da tempo impegnato nella richiesta per la revoca del segreto sui membri dell’unità.

L’Unità 731 fu creata nel 1936 con l’obiettivo di sviluppare armi biologiche. I suoi esperimenti furono condotti ad Harbin, in Cina, su cavie umane, prevalentemente prigionieri cinesi e coreani. La sperimentazione prevedeva l’infezione con germi e poi la vivisezione dei prigionieri per vedere gli effetti. Furono testati almeno 20 tipi di batteri – tra i quali antrace, peste e botulino – e furono uccisi in questi esperimenti almeno 3mila prigionieri.

La lista diffusa oggi è stata stilata il primo gennaio 1945 e include nomi, gradi e informazioni personali – indirizzi e familiari – di 52 chirurghi, 49 ingegneri, 38 infermieri e 1.117 medici di campo. Dopo la guerra, le forze occupanti americane guidate dal generale Douglas McArthur concessero l’immunità ai medici dell’unità e anche al capo, il tenente generale Shiro Ishii, in cambio dei dati raccolti negli esperimenti umani.

La campagna guidata da Nishiyama è partita dalla richiesta di revocare i titoli a un ufficiale medico, la cui dissertazione di laurea presso l’Università di Kyoto si sarebbe avvalsa anche di dati raccolti negli esperimenti dell’Unità 731.

Mos/Int2

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su