Header Top
Logo
Mercoledì 21 Febbraio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • La galassia Andromeda è più piccola del temuto: non ci inghiottirà

colonna Sinistra
Giovedì 15 febbraio 2018 - 12:30

La galassia Andromeda è più piccola del temuto: non ci inghiottirà

Si credeva fosse almeno il doppio di Via Lattea, la nostra galassia
La galassia Andromeda è più piccola del temuto: non ci inghiottirà

Roma, 15 feb. (askanews) – La galassia di Andromeda non è molto più grande della Via Lattea e non finirà per inghiottirla, come era opinione comune degli astronomi: è quanto risulta da uno studio della britannica Royal Astronomical Society, che ha sovvertito una teoria che sembrava ormai consolidata.

Come spiega il quotidiano britannico The Independent, il cosnenso scientifico voleva che Andromeda – la nostra “vicina” nel cosiddetto Gruppo Locale – fosse almeno due volte più grande della nostra galassia: dunque lo “scontro” fra i due ammassi, che sono in (lenta) rotta di collisione, sarebbe stato del tutto impari.

Un nuovo calcolo della velocità di fuga necessaria per uscire dall’attrazione gravitazionale di Andromeda ha tuttavia fornito un risultato inatteso, ovvero che le masse delle due galassie sono pressappoco uguali; la spiegazione starebbe nella passata sopravvalutazione della quantità di “materia oscura” posseduta da Andromeda, che sarebbe in realtà pari ad un terzo di quella della Via Lattea.

La questione della collisione rimane peraltro aperta: il termine è in realtà improprio, dato che le galassie sono costituite per la maggior parte di vuoto e un urto fra due singole stelle rimane quindi assai improbabile anche nelle zone a più alta densità di materia; gli effetti sarebbero tuttavia soprattutto di natura gravitazionale, in grado cioè di alterare le orbite dei singoli sistemi stellari in modo da renderli instabili e quindi potenzialmente non più abitabili.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Sezione Video Olimpiadi
Blog PyeongChang 2018
Torna su